Pace fiscale, modello Salvini: “Tetto a 500mila euro”. Taglio a interessi, more e capitale

di Redazione Blitz
Pubblicato il 8 ottobre 2018 11:38 | Ultimo aggiornamento: 8 ottobre 2018 11:38
Pace fiscale, modello Salvini: "Tetto a 500mila euro". Taglio a interessi, more e capitale

Pace fiscale, modello Salvini: “Tetto a 500mila euro”. Taglio a interessi, more e capitale

ROMA – Non solo il taglio di interessi e sanzioni, la “pace fiscale” promessa da Matteo Salvini sconterà anche l’importo dell’imposta da pagare. La pace fiscale riguarderà tutti i debiti “fino a 500mila euro” e sarà un intervento “a saldo e stralcio” non solo su interessi e sanzioni ma anche “sul capitale”, ha dichiarato il ministro dell’Interno a Rtl 102.5, sottolineando che “non sarà una classica rottamazione ma un intervento a gamba tesa”.

“La pace fiscale che voglio portare fino in fondo – ha aggiunto – è quella di milioni di italiani costretti a vivere da fantasmi che hanno fatto la dichiarazione dei redditi e poi gli andata male e si portano dietro cartella che non pagheranno mai”.

“#PaceFiscale non sarà una rottamazione. Provvedimento è per chi ha fatto dichiarazione dei redditi, ma non è riuscito a pagare. Lo stato incassa quello che non avrebbe mai incassato, e tu torni a lavorare in pace” aveva annunciato su twitter Salvini. Al momento i debiti contratti da circa 20 milioni di italiani con il Fisco ha raggiunto quota 871 miliardi di euro, di cui solo la decima parte (84 miliardi) è realmente aggredibile in termini di recupero del credito (la cifra complessiva i contribuenti deceduti, falliti, sospesi ecc…). Tra i 100mila (il tetto previsto da Di Maio e inizialmente dalla Lega) e i 500mila euro di debito con il Fisco risultano 620mila contribuenti.