Pensioni, stop aumento età per i lavori gravosi anche per quelle di anzianità: proposta governo

di Redazione Blitz
Pubblicato il 18 novembre 2017 12:23 | Ultimo aggiornamento: 18 novembre 2017 12:23
pensioni-anticipate

Pensioni, stop aumento età per i lavori gravosi anche per quelle di anzianità: proposta governo

ROMA – Estensione dello stop all’aumento dell’età anche per le pensioni anticipate per i lavoratori delle 15 categorie già individuate e nuove risorse per mettere a regime l’Ape social. Il governo ha messo sul tavolo di confronto con i sindacati queste altre due proposte per arricchire il pacchetto sulle pensioni: la prima riguarda l’estensione delle esenzioni dall’aumento di cinque mesi delle categorie definite gravose anche alle pensioni di anzianità (e non solo alle pensioni di vecchiaia). Lo si apprende da fonti di governo.

Per andare in pensione in anticipo rispetto all’età di vecchiaia (l’ex pensione di anzianità contributiva) dal 2019 saranno infatti necessari 43 anni e tre mesi di contributi per gli uomini e 42 anni e 3 mesi per le donne. Questo lo scatto conseguente all’adeguamento dell’aspettativa di vita, cresciuta di 5 mesi. Al momento per l’uscita anticipata verso la pensione ci vogliono 42 anni e 10 mesi per gli uomini e 41 e 10 mesi per le donne. La nuova proposta del governo allarga, quindi, lo stop già proposto per le 15 categorie di lavori gravosi, per i quali è stata già prospettata l’esenzione dall’aumento (sempre di cinque mesi) dell’età per la pensione di vecchiaia a 67 anni dal 2019 (oggi a 66 anni e 7 mesi).

Il governo, con il premier Paolo Gentiloni, propone ai sindacati anche l’istituzione di un fondo per i potenziali risparmi di spesa con l’obiettivo di consentire la proroga e la messa a regime dell’Ape sociale. Il pacchetto di proposte del governo alle parti sociali sulle pensioni “è molto rilevante” per accompagnare la decisione dell’adeguamento pensionistico con “una serie di interventi mirati”. Lo ha detto il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, aprendo il tavolo a Palazzo Chigi, secondo quanto si apprende da fonti di governo. E’ “uno sforzo significativo” che il Governo chiede ai sindacati di condividere: “Vi chiediamo di sostenere questo pacchetto”, ha sottolineato Gentiloni.