Pensioni: i contributi figurativi riducono l’assegno

di Redazione Blitz
Pubblicato il 26 settembre 2013 10:37 | Ultimo aggiornamento: 26 settembre 2013 10:42
Pensioni: i contributi figurativi riducono l'assegno

Pensioni: i contributi figurativi riducono l’assegno

ROMA – Pensioni: i contributi figurativi riducono l’assegno. Non tutti i contributi consentirebbero di andare in pensione anticipata entro il 2017 senza la decurtazione dell’assegno. Il Sole 24 Ore di oggi (26 settembre) mette a fuoco una questione sulla quale ci sono ancora margini di dubbio tanto che l’Inps ha richiesto ed è in attesa del parere di due ministeri. La legge Fornero prevede decurtazioni per chi accede alla pensione anticipata (cioè prima dei 62 anni) con elevata anzianità contributiva. Decurtazioni che non valgono per chi matura i requisiti contributivi entro il 2017, a patto che l’anzianità contributiva sia determinata da prestazione effettiva di lavoro.

Che cosa significa? A parte gli obblighi di leva, malattia, infortunio o cassa integrazione, vuol dire che non vengono conteggiate le altre assenze, per le quali il contributo è figurativo (leggi qui cosa dice l’Inps)). Un caso emblematico, l’assenza dal lavoro per donare il sangue, spiega la questione (Fabio Venanzi, Sole 24 Ore):

A scoprire in prima persona gli effetti delle nuove regole sono state decine di donatori volontari del sangue, che nelle scorse settimane hanno avviato i conteggi per accedere alla pensione anticipata, verificando che i giorni non lavorati perché dedicati alla donazione non vengono calcolati. Già con un parere dell’ottobre 2012, la gestione ex Inpdap, aveva precisato che la presenza di contribuzione utile ai fini del diritto al trattamento di quiescenza relativa ad assenza diverse da quelle previste dalla norma, poiché non costituisce prestazione effettiva di lavoro, comporta l’applicazione delle riduzioni percentuali.Tale interpretazione, in linea con il tenore letterale della norma, comporta oggettive difficoltà applicative, soprattutto nel pubblico impiego, dove non sempre risulta possibile avere una situazione storica di tutte le tipologie di assenze effettuate dal lavoratore nel corso dell’intera vita lavorativa.