Pensioni, Inps: “3/4 dei pensionati avranno una rivalutazione piena”

Pubblicato il 13 Dicembre 2011 17:36 | Ultimo aggiornamento: 13 Dicembre 2011 17:46

ROMA – Il 78,4% dei pensionati Inps ha un reddito pensionistico inferiore ai 1.500 euro. E’ quanto emerge dal rapporto annuale dell’Inps sui dati 2010 secondo il quale i pensionati con assegni complessivi fino a 1.499 euro sarebbero 10,8 milioni.

Con l’emendamento del Governo alla manovra che porta il blocco dell’indicizzazione dagli assegni superiori a quelli superiori a tre volte il minimo (1.400 euro al mese), la stragrande maggioranza di questi pensionati dovrebbe quindi continuare ad avere la rivalutazione piena.

Il dato dell’Inps comunque riguarda il reddito pensionistico complessivo (i pensionati possono avere anche due o piu’ pensioni) quindi con tutta probabilita’ il numero degli assegni salvaguardati dall’emendamento alla manovra potrebbe essere anche superiore ai 10,8 milioni.    Secondo i dati Inps riferiti al 2010 i pensionati con un reddito complessivo fino a 500 euro al mese sono 3,2 milioni (il 23,3% del totale), quelli con un reddito da pensione tra i 500 e i 1.000 euro al mese sono 4,3 milioni (il 31,3%) mentre quelli tra i 1.000 e i 1.500 euro al mese sono 3,3 milioni (il 23,8%).