Pensioni nel mirino: tagliate da 35.000 euro in su? Rischio Corte costituzionale

di Redazione Blitz
Pubblicato il 4 Agosto 2014 10:34 | Ultimo aggiornamento: 4 Agosto 2014 10:34
Pensioni nel mirino: tagliate da 35.000 euro in su? Rischio Corte costituzionale

Pensioni nel mirino: tagliate da 35.000 euro in su? Rischio Corte costituzionale

ROMA – I pensionati e le loro pensioni tornano a stimolare gli appetiti del burocrati che hanno mandato in rovina l’Italia e continuano a farlo. Secondo Michele Di Branco del Messaggero, per contribuire a rimediare alla ingessatura del bilancio dello Stato, tra spese che non si tagliano e 80 euro elargiti da Matteo Renzi ai descamisados per contrastare Beppe Grillo, le menti che sono intanate al ministero dell’Economia vogliono “fare cassa riaprendo il dossier pensioni. La salute dei conti pubblici, minata da una crescita che non decolla e che non potrà certo essere lo 0,8% previsto dal governo nel Def, impone al Governo una riflessione sulla spesa previdenziale. Un capitolo che vale 236 miliardi di euro nel bilancio dello Stato”.

Il ministero dell’Economia si sta muovendo “con grande prudenza [ma si sa già che] l’area individuata è quella delle pensioni più alte, con un occhio puntato in particolare sui trattamenti frutto del calcolo retributivo, in soffitta con la riforma del ’95 che ha determinato il passaggio del calcolo delle pensioni al metodo contributivo. Questa operazione è stata attuata assicurando comunque il diritto di vedersi liquidare la pensione per intero con il metodo retributivo nel caso in cui nell’anno di entrata in vigore della riforma fossero già stati accumulati 18 anni di anzianità contributiva. Per tutti gli altri è stato previsto un meccanismo misto per cui la pensione viene liquidata in parte con il metodo retributivo e in parte con quello contributivo, in proporzione al numero di anni di anzianità contributiva ante e post riforma”.
L’ipotesi di riforma, spiega Michele Di Branco, che circola al ministero dell’Economoia,  “testata con alcune simulazioni, è applicare un contributo di solidarietà solo sulla parte dell’assegno previdenziale maturato con il sistema contributivo.
“La materia è scivolosa e fonti vicine al dossier raccontano che l’attenzione si è concentrata su una opzione che riguarda le pensioni che superano i 62 mila euro. In quell’area ci sono 186 mila persone (pari all’1,1% di tutti i pensionati) il cui costo è di 15 miliardi: il 5,5% del totale. L’ipotesi è applicare 4 aliquote (8, 21,28 e 37%) sulla parte di pensione maturata con il retributivo.
“Ovviamente le aliquote salgono con il crescere della parte che eccede la pensione calcolata con il contributivo puro. Tanto che, in alcuni casi di pensioni superiori a 200 mila euro, sono spuntati fuori non pochi risultati impressionanti. Ad esempio, un certo numero di assegni decurtati di 50-60 mila euro. Un effetto chiaramente distorsivo che avrebbe un impatto insostenibile dal punto sociale.  Non indifferenti, invece, i risultati sul piano dei risparmi previdenziali: 800 milioni.
“Una versione applicata ad una platea più estesa è stata invece tentata prendendo in esame i pensionati sopra i 35 mila euro. Una soglia scelta non a caso in quanto si tratta di persone a riposo (600 mila individui) che stanno già pagando il blocco delle indicizzazioni all’inflazione previsto fino al 2016. In questo caso i risparmi di spesa, secondo una stima prudenziale, salgono fino a 2 miliardi di euro.
Probabilmente anche in questo caso si sono presi paura dell’effetto sociale e, a valle, di quello elettorale, per cui,
“precisa chi sta seguendo la vicenda, questa pista è stata messa da parte. Sull’intero dossier, comunque, pesano un paio di incognite. In primo luogo perché i dati Inps, in particolare per quanto riguarda i dipendenti pubblici, rendono difficile la ricostruzione della carriera previdenziale di centinaia di migliaia di italiani. E in secondo luogo perché un provvedimento che taglia una pensione già maturata in forza di regole successive, espone il fianco alla censura della Corte Costituzionale”.