Pernigotti, la proprietà turca: “La produzione resterà in Italia, ma non a Novi Ligure”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 8 novembre 2018 14:31 | Ultimo aggiornamento: 8 novembre 2018 14:31
Pernigotti, la proprietà turca: "La produzione resterà in Italia, ma non a Novi Ligure"

Pernigotti, la proprietà turca: “La produzione resterà in Italia, ma non a Novi Ligure”

ROMA – Pernigotti intende “esternalizzare le proprie attività produttive unicamente presso il territorio nazionale”. Lo precisa la proprietà dell’azienda, che “sta procedendo all’individuazione di partner industriali in Italia, a cui affidare la produzione, coerentemente anche con l’obiettivo di cercare di ricollocare il maggior numero possibile di dipendenti coinvolti presso aziende operanti nel medesimo settore o terzisti. L’azienda sta già dialogando con alcune importanti realtà italiane del settore dolciario”.

I sindacati intanto hanno inviato oggi la lettera al Ministero dello Sviluppo Economico per chiedere un tavolo sulla Pernigotti, l’azienda dolciaria di Novi Ligure di  proprietà della famiglia turca Toksoz. Continua in fabbrica l’assemblea permanente e la produzione è bloccata. L’azienda ha chiesto l’incontro sulla cassa integrazione, ma i sindacati ritengono che non ci siano i presupposti per un accordo e aspettano il tavolo al ministero per ottenere la cassa integrazione straordinaria per situazione industriale complessa.

I sindacati hanno ottenuto parziale soddisfazione con la tempestiva convocazione del tavolo da parte del Ministero dello Sviluppo che ha confermato l’incontro il 15 novembre alle ore 10.00, presieduto dal Vicecapo di Gabinetto Giorgio Sorial.