Pernigotti è salva, la fabbrica di Novi Ligure non chiude. La proprietà turca ci ripensa e rilancia

di Redazione Blitz
Pubblicato il 18 Giugno 2020 12:23 | Ultimo aggiornamento: 18 Giugno 2020 12:23
Pernigotti è salva, la fabbrica di Novi Ligure non chiude. La proprietà turca ci ripensa e rilancia

Pernigotti è salva (Ansa)

ROMA – La Pernigotti è salva.

Ci sono voluti mesi di proteste sindacali, tra cortei, presidi e occupazioni, ma la battaglia ha pagato.

La storica azienda dolciaria piemontese con 160 anni di storia alle spalle, è salva.

La notizia, nell’aria da alcuni giorni, è stata confermata ieri nel corso della presentazione in video conferenza al Ministero dello Sviluppo Economico, del nuovo piano industriale della proprietà turca.

Pernigotti: la proprietà turca ci ripensa e investe

La famiglia Toksoz, che nell’autunno del 2018 aveva annunciato l’intenzione di esternalizzare le attività, porterà nello stabilimento in provincia di Alessandria due nuove linee di produzione.

Oltre a riammodernare quelle esistenti.

“Una buona notizia per Novi Ligure – commenta a caldo il sindaco Gian Paolo Cabella -. Rilanciare la produzione dello stabilimento cittadino, riorganizzandolo, non può che farci piacere”.

Tre interventi strategici per il rilancio

Sono tre gli interventi strategici previsti dal piano industriale, redatto da Pernigotti con la consulenza dello studio ArlatiGhislandi.

Sullo stabilimento di Novi Ligure, sullo staff di Milano e sulla rete commerciale italiana.

L’obiettivo, spiega l’azienda, è “il consolidamento e lo sviluppo nel settore confectionary“.

Il progetto di ‘insourcing produttivo‘, in particolare, prevede il trasferimento dalla Turchia al Piemonte della produzione delle creme spalmabili.

Le funzioni di staff saranno riunite presso una sede unica in Milano, in modo da garantire una maggiore sinergia ed efficienza professionale.

Mentre le attività commerciali – si legge nel piano industriale – “verranno riorganizzate in sintonia con lo sviluppo della richiesta del mercato”.

Ad agosto cassa integrazione straordinaria per 109 

Ad agosto partirà la cassa integrazione straordinaria per riorganizzazione per 50 dipendenti a Milano e 59 a Novi Ligure (Alessandria). “E’ il massimo che si poteva ottenere”, esulta Piero Frescucci, rsu Uila Uil.

“Ottimo! Complimenti a Stefano Patuanelli e Alessandra Todde”, scrive su Twitter il leader di Azione Carlo Calenda, che da ministro si è battuto per la tutela dei marchi del made in Italy. (fonte Ansa)