Pil sale, debito scende: dati crescita danno ragione al Governo

di Redazione Blitz
Pubblicato il 15 novembre 2016 11:00 | Ultimo aggiornamento: 15 novembre 2016 11:08
Pil sale, debito scende: dati crescita danno ragione al Governo

Pil sale, debito scende: dati crescita danno ragione al Governo

ROMA – Pil sale, debito scende: dati crescita danno ragione al Governo. Lo scatto del Pil italiano nel terzo trimestre sembra dar ragione alle stime del governo Renzi: il ministro Padoan era stato ampiamente criticato per le stime  giudicate troppo generose, confutate e abbassate da tutti gli altri centri di elaborazione statistica.

Ma dopo la stagnazione dei mesi primaverili, il rilancio del terzo trimestre (+0,3% sul trimestre precedente, +0,9% sul 2015) fissa la crescita acquisita per il 2016 allo 0,8%, in linea proprio con gli ultimi aggiornamenti forniti dal governo in occasione della nota di variazione del Def.

E la diminuzione contestuale dello stock del debito pubblico rispetto al Pil, rappresenta un ulteriore passo avanti nella stabilizzazione dei conti pubblici. Esulta Renzi che commenta su Twitter i dati: “Con le riforme sale il Pil, senza riforme sale lo spread. Avanti tutta, l’Italia ha diritto al futuro #passodopopasso”.

Pil terzo trimestre: +0,3% sul trimestre precedente. Migliora il Pil acquisito per quest’anno. La crescita che si registrerebbe se negli ultimi tre mesi del 2016 la variazione congiunturale del prodotto interno lordo fosse nulla è di +0,8%. Lo rende noto l’Istat alla luce dei dati positivi sul terzo trimestre. La stima precedente, quella basata solo sui dati dei primi due trimestri, era di +0,6%.

Pil 2016, +0,8%. Le stime del governo sul 2016 indicano una crescita (grezza) dello 0,8%. La crescita congiunturale del Pil nel terzo trimestre è la sintesi di un aumento del valore aggiunto nei comparti dell’industria e dei servizi e di una diminuzione nell’agricoltura. Lo specifica l’Istat in base alle stime preliminari.

Dal lato della domanda, vi è un contributo ampiamente positivo della componente nazionale (al lordo delle scorte), in parte compensato da un apporto negativo della componente estera netta. Il dato diffuso oggi è corretto per gli effetti di calendario. Il terzo trimestre del 2016, ricorda l’Istat, ha avuto due giornate lavorative in più del trimestre precedente e una in meno rispetto al terzo trimestre del 2015.

Scende il debito pubblico. Il debito pubblico italiano a settembre si è attestato a 2.212,6 miliardi, in diminuzione di 12,1 miliardi rispetto al mese precedente. Lo rende noto Bankitalia nel nel Supplemento al Bollettino Statistico “Finanza pubblica, fabbisogno e debito”. Il fabbisogno di settembre, pari a 15,2 miliardi, spiega la Banca d’Italia, è stato più che compensato dalla diminuzione (25,3 miliardi) delle disponibilità liquide del Tesoro (risultate pari a 39,3 miliardi alla fine di settembre) e dall’effetto complessivo degli scarti e dei premi all’emissione e al rimborso, della rivalutazione dei titoli indicizzati all’inflazione e della variazione del cambio dell’euro (1,9 miliardi).

Con riferimento ai sottosettori, il debito delle Amministrazioni centrali è diminuito di 12,4 miliardi, quello delle Amministrazioni locali è aumentato di 0,4 miliardi e il debito degli Enti di previdenza è diminuito di 0,1 miliardi. Nei primi nove mesi del 2016, il debito delle Amministrazioni pubbliche è invece aumentato di 39,9 miliardi. L’incremento, precisa ancora Bankitalia, riflette il fabbisogno (42,3 miliardi) e l’aumento delle disponibilità liquide del Tesoro (3,6 miliardi). In senso opposto ha operato, per 6,0 miliardi, l’effetto complessivo degli scarti e dei premi all’emissione e al rimborso, della rivalutazione dei titoli indicizzati all’inflazione e della variazione del tasso di cambio.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other