Pininfarina vende quota a Bollorè, sciolta la joint venture

Pubblicato il 23 Marzo 2011 19:41 | Ultimo aggiornamento: 23 Marzo 2011 19:42

TORINO – La Pininfarina ha venduto la sua quota pari al 50% nella joint venture con Bolloré al socio francese. L’importo è di 10 milioni di euro.

L’operazione, che non costituisce una modifica al piano industriale – sottolinea la casa torinese in una nota – si inquadra negli ottimi rapporti industriali esistenti tra i gruppi Pininfarina e Bolloré. Le due società hanno sottoscritto di recente un contratto preliminare di affitto di ramo di azienda con il quale la Pininfarina ha messo a disposizione del progetto auto elettrica impianti e personale.

Pininfarina affitterà all’azienda toriense Cecomp e al gruppo Bollore’ lo stabilimento produttivo di Bairo Canavese: qui verranno prodotte circa 4.000 vetture elettriche basate sul design della Bluecar, realizzato dalla Pininfarina per la società francese.

Le vetture saranno realizzate dal gruppo Bollore’ per il servizio di car sharing che inizierà nell’autunno 2011 nel Comune di Parigi e in altri comuni limitrofi. Il contratto di affitto, che verrà definitivamente sottoscritto dopo la procedura sindacale, durera’ fino al 31 dicembre 2013.