Pirelli guarda alla Cina e la Borsa scommette su riassetto

di Redazione Blitz
Pubblicato il 20 Marzo 2015 1:20 | Ultimo aggiornamento: 19 Marzo 2015 22:25
http://www.blitzquotidiano.it/video/video-youtube-skorupski-papera-roma-fiorentina-0-3-2135710/

http://www.blitzquotidiano.it/video/video-youtube-skorupski-papera-roma-fiorentina-0-3-2135710/

MILANO – Un nuovo socio è in arrivo al fianco di Marco Tronchetti Provera e cambierà nuovamente l’assetto azionario di Pirelli ma questa volta si passerà attraverso un’offerta pubblica di acquisto che potrebbe, è tra le ipotesi al vaglio, portare anche al delisting, ovvero all’uscita dalla Borsa, del titolo.

In Borsa il titolo corre già da alcuni mesi, in un anno ha guadagnato oltre il 31% e nel corso della seduta ha rotto la soglia record dei 15 euro per poi chiudere in rialzo del 3,26% a 14,9 tra scambi pari al 3,8% del capitale. Consob intanto ha attivato i suoi poteri che in circostanze simili possono riguardare l’andamento e l’operatività sul titolo, la corretta informativa e i profili di corporate governance.

Ora l’azienda vale in borsa più di 7 miliardi di euro e oltre a Camfin che ne controlla il 26,193% tra gli azionisti rilevanti ci sono i Malacalza con il 6,98%, il fondo americano Harbor con il 5,066%, Edizione con il 4,6%, Mediobanca con il 3,95% e Fil sopra il 2 per cento. Anche se le bocche restano cucite e commenti ufficiali non ce ne sono gli advisor legali e finanziari lavorano a un’operazione complessa e ancora in divenire che dovrebbe portare, si punta a un accordo a breve, alla parziale valorizzazione della quota dei russi di Rosneft e all’ingresso di un nuovo socio asiatico accanto alla Nuove Partecipazioni di Tronchetti Provera, Unicredit e Intesa Sanpaolo. La stampa ricorda i contatti avuti in passato dalla Bicocca con la coreana Hankook, la giapponese Yokoama e con i gruppi cinesi China Chemical Corporation e Zhongce Rubber Company ma sul nome ancora nessuna conferma ufficiale.

Per ora i vertici del gruppo hanno confermato solo possibili jv nel business truck ricordando, in occasione della presentazione dei conti dei 9 mesi, che ”ci sono diversi players con i quali siamo in contatto” ma ”occorrera’ ancora qualche mese: penso che una decisione potra’ essere presa nel corso del 2015” aveva detto Tronchetti rispondendo alle domande degli analisti. Secondo indiscrezioni di stampa anche dopo questo nuovo riassetto Tronchetti resterà saldo alla guida del gruppo per i prossimi cinque anni, fino al 2021.