Poste Italiane presenta il piano 2018-2022. Del Fante: “Sfrutteremo la crescita dell’e-commerce. E presto anche ramo auto”

di redazione Blitz
Pubblicato il 27 febbraio 2018 18:54 | Ultimo aggiornamento: 27 febbraio 2018 18:56
Poste Italiane presenta il piano 2018-2022. Del Fante: "Sfrutteremo la crescita dell'e-commerce. E presto anche ramo auto"

Massimo Del Fante, amministratore delegato di Poste Italiane

MILANO – Consegna dei pacchi anche nel week-end, sulla spinta della diffusione dell’e-commerce, assicurazioni auto e nuova politica dei dividendi: questi alcuni dei punti cardine del nuovo piano strategico 2018-2022 di Poste Italiane.

Il business plan, denominato Deliver 2022, è stato presentato martedì 27 febbraio a Palazzo Mezzanotte a Milano dall’amministratore delegato del gruppo, Matteo Del Fante, e prevede investimenti per 2,8 miliardi a sostegno di automazione, digitalizzazione, riorganizzazione del modello di servizio.

“Vogliamo sfruttare la dinamica del mercato e sfruttare la crescita dell’e-commerce. Corrispondenza e pacchi  rappresenteranno sempre il cuore delle attività di Poste. Siamo e continueremo a essere la rete di distribuzione più efficace in Italia. Abbiamo una comprensione di tutte le nuove esigenze dei clienti”, ha spiegato Del Fante. “Ci stiamo trasformando per rispondere al meglio ai bisogni ed ai comportamenti sempre nuovi dei nostri 34 milioni di clienti. Il segmento corrispondenza e pacchi” è “il fulcro dell’attività ” dell’azienda: “A questo proposito stiamo già vedendo i risultati positivi delle azioni intraprese, in particolare dell’introduzione di un modello operativo di recapito innovativo, il ‘joint delivery model’, concordato di recente con i sindacati. Stiamo lanciando un modello per le consegne innovativo, basato sulla popolazione e la densità dei volumi che include consegne di pomeriggio e nel weekend”. Il piano punta ad una crescita graduale di tutte le aree: oltre a ‘corrispondenza, pacchi e distribuzione’, il nuovo pilastro dei ‘pagamenti, mobile e digitale’, i ‘servizi finanziari’ ed i ‘servizi assicurativi’. “In Italia sta per arrivare un aumento significativo di consegne di e-commerce e questa per noi è una grande opportunità. Lavoriamo a stretto contato con Amazon per accompagnare la loro e la nostra crescita. Siamo molto attraenti per Amazon e per tutti gli altri operatori di e-commerce per la capillarità della nostra rete, che non ha rivali. Nel mondo dei pacchi – ha detto Del Fante – consegnare di domenica diventerà una esigenza operativa, perché molti degli ordini on line vengono fatti fra venerdì sera e sabato e le consegne stanno diventando sempre di più infragiornaliere o al massimo al giorno successivo. All’estero per smussare il carico di lavoro lungo i 7 giorni sempre di più la consegna domenicale è una esigenza operativa delle società di logistica”.

ASSICURAZIONE AUTO – Un’altra delle novità di Poste Italiane riguarda l’ambito assicurativo, con prodotti nel ramo auto. “E’ nostra intenzione entrare nell’arco di piano, abbiamo pianificato nei numeri un approccio molto graduale, molto timido. Stiamo valutando la strategia”. Poste “nel comparto vita intende mantenere la sua posizione di leadership fornendo ai propri clienti i prodotti migliori dell’attuale macro scenario, riequilibrando i portafogli clienti passando da tradizionali polizze vita a prodotti unit-linked”. E’ “un settore chiave” per il nuovo piano. Poste “rafforzerà la propria offerta di fondi previdenziali e benefici aziendali, amplierà il ramo danni e infortuni a completamento delle propria gamma di prodotti assicurativi”, “introdurrà inoltre prodotti assicurativi specifici per le piccole e medie imprese e, in linea con il progressivo invecchiamento della popolazione italiana, continuerà a sviluppare piani pensionistici privati”. 

PERSONALE – Del Fante ha poi annunciato l‘assunzione di “circa diecimila professionisti qualificati” nel quinquennio 2018-2022, con la formazione di “personale in servizio per dotarlo delle competenze, degli strumenti e degli incentivi necessari per completare il nostro processo di trasformazione”. Cinquemila saranno esperti in ambito finanziario e assicurativo. Di pari passo nel corso del piano proseguirà la riduzione del personale (con 100 milioni di euro destinati a incentivi di pre-pensionamento) con l’obiettivo, anche con “iniziative volte a incrementare l’efficienza del gruppo”, di portare dal 53% del 2017 al 49% il rapporto tra costi ordinari del personale e ricavi. E’ prevista “una riduzione media annua di 3.000 unità” (proseguendo dopo i 2.800 l’anno del 2015-2017). E ci sarà “una ridistribuzione e formazione del personale: 4.500 dipendenti saranno riassegnati ad un ruolo commerciale di front-line”, con “20 milioni di monte ore di formazione”. La riduzione di circa 3mila dipendenti in media l’anno nei cinque anni del nuovo piano strategico al 2022 di Poste Italiane, riequilibrata da 10mila assunzioni, “avverrà esclusivamente su base volontaria”, anche con incentivi al pre-pensionamento, “o naturale con il pensionamento”, ha spiegato l’amministratore delegato, sottolineando: “La base volontaria è incentivata, non forzosa, ed abbiamo per la prima volta firmato nel mese di dicembre un accordo sindacale allo scopo”.

CHIUSURE – Stop, infine, alla chiusura degli “uffici postali periferici, nei Comuni con meno di 5 mila abitanti”. “Erano state programmate diverse centinaia di chiusure”, ha ricordato Del Fante, ma “la motivazione” di revocarle è legata al fatto “che crediamo che l’allargamento progressivo della gamma di prodotti non solo finanziari deve rendere anche quelle filiali sostenibili economicamente, in un momento in cui sia il settore bancario, sia quello assicurativo, stano lasciando le realtà locali”.