Poste Italiane raddoppia l’utile nel 2018. Del Fante: “In futuro consegne con droni e veicoli senza conducente”

di Redazione blitz
Pubblicato il 19 marzo 2019 19:13 | Ultimo aggiornamento: 19 marzo 2019 19:13
poste italiane

Poste Italiane raddoppia l’utile nel 2018. Del Fante: “In futuro consegne con droni e veicoli senza conducente”

ROMA – Poste Italiane raddoppia l’utile nel 2018 e chiude l’anno con un risultato netto pari a 1,399 miliardi, 709 milioni in più rispetto al precedente esercizio (+97%). Utile netto e utile operativo – spiega una nota – superano gli obiettivi del piano industriale ‘Deliver 2022’: “Tutti gli obiettivi finanziari per il 2018 sono stati realizzati”. I ricavi aumentano del 2,2% a 10,864 miliardi. Il cda proporrà all’assemblea  la distribuzione di un dividendo pari a 0,441 euro, in aumento del 5%. La cedola assicurerebbe così un assegno da circa 168 milioni di euro al Tesoro e da 201 milioni di euro alla Cdp.

Poste, si spiega “ha centrato tutti gli obiettivi finanziari delineati per il 2018, a livello di gruppo e in tutti i settori di business, grazie a un’azione più incisiva di efficientamento e una forte crescita dell’utile operativo, trainato da una costante crescita dei ricavi e da una ridotta dipendenza delle plusvalenze”. Così l’ad di Poste, Matteo Del Fante, commenta i risultati del 2018 e aggiunge che nel 2019 “si assisterà a un incremento costante dei ricavi, dei margini e degli utili”.

I risultati consolidati per il 2018 evidenziano attività finanziarie totali pari a 514 miliardi (+4 miliardi rispetto a dicembre 2017), grazie ad una raccolta netta di 1,6 miliardi che ha ricevuto un consistente contributo dal settore retail (3,5 miliardi), nonostante un contesto di mercato volatile. Nel 2018, inoltre, il gruppo ha registrato spese per investimenti pari a 538 miliardi, in linea con gli obiettivi 2022.

Nel settore dei servizi finanziari si sono registrati ricavi per il 2018 pari a 5,221 miliardi (+4,2% rispetto al 2017) e utile operativo pari a 859 milioni (+ 33,1% rispetto al 2017), “grazie ad un ampliamento dell’offerta di prodotti e all’impegno commerciale che hanno trainato la crescita delle Attività Finanziarie Totali e volumi record di prodotti”.

Nel 2018 i ricavi del comparto Corrispondenza, Pacchi e Distribuzione sono diminuiti dell’1,4% rispetto al 2017, a 3,580 miliardi. I ricavi da attività di recapito pacchi hanno raggiunto 761 milioni nel 2018, trainati dalla forte crescita delle consegne di pacchi per il B2C, pari al 27,8% (301 milioni).

Parlando in conferenza stampa sui risultati l’ad Matteo Del Fante ha spiegato che l’azienda sta sviluppando anche forme di consegna all’avanguardia. Sulla consegna dei pacchi – ha detto – “stiamo lavorando al progetto droni, ma ci sono iniziative anche più interessanti dove la consegna spersonalizzata viene fatta da veicoli senza conducente che parcheggiano sotto casa del destinatario, lo avvisano con un sms, lui scende, apre con un codice un cassetto del mezzo e ritira il pacco”. “Crediamo ci sia un futuro importante per le consegne”, ha aggiunto. Il manager ha anche chiarito che la società non ha in programma nessun coinvolgimento nella partita Alitalia. “Non c’è nessun progetto da parte di Poste Italiane di aprire un dossier specifico”, ha spiegato. (fonte: Ansa)