Poste Italiane. Chi dopo Massimo Sarmi? Francesco Caio o soluzione interna

di Redazione Blitz
Pubblicato il 1 ottobre 2013 13:48 | Ultimo aggiornamento: 1 ottobre 2013 13:49
Poste. Chi dopo Massimo Sarmi? Francesco Caio o soluzione interna

Poste. Chi dopo Massimo Sarmi? Francesco Caio o soluzione interna

ROMA – Poste. Chi dopo Massimo Sarmi? Francesco Caio o soluzione interna. Se è  Massimo Sarmi il maggiore indiziato per sostituire Franco Bernabé in Telecom, chi guiderà Poste come amministratore delegato? Sul Sole 24 Ore di oggi (1 ottobre) viene speso il nome di Francesco Caio, ex fondatore di Omnitel, esperto di telecomunicazioni, nominato a presiedere l’Agenda Digitale e candidato ad ogni possibile poltrona vacante. In alternativa, viene accreditata una linea di continuità che conduce a un manager di casa, un interno,  magari dopo un periodo di interim, affidato al presidente Giovanni Ialongo come consentito dallo statuto.

Ovviamente, ogni ipotesi di transizione ai vertici fa i conti con le intenzioni di Sarmi, anche alla luce del caos istituzionale e delle scelte operative su Telecom. Le due cose potrebbero coincidere in relazione alle decisioni che verranno prese per esempio sullo scorporo della rete, una scelta di sistema di cui lo stesso Sarmi potrebbe diventare il garante dalla tolda di Telecom.

Poste, per la gestione della quale a Sarmi è riconosciuto generale apprezzamento, ha diversificato attività e utili, l’incremento dell’offerta di servizi finanziari, bancari, assicurativi ne ha accentuato la dimensione commerciale: per questo serve un profilo di manager esperto nell’ambito bancario finanziario, magari da cercare nel settore finanza del gruppo, una’opzione domestica come nel caso di Enel con Fulvio Conti. In nome della continuità e del mantenimento di una governance di sistema, appunto, una scelta interna garantirebbe un passaggio più ordinato anche per quelle privatizzazioni spesso annunciate che dovrebbero coinvolgere qualche ramo di Poste.