Presto banche chiuse per sciopero

di Redazione Blitz
Pubblicato il 16 settembre 2013 16:03 | Ultimo aggiornamento: 16 settembre 2013 16:03
Presto banche chiuse per sciopero

(Foto Lapresse)

ROMA – Banche italiane presto chiuse per sciopero. Lo annunciano i sindacati, dopo che l’Abi, l’Associazione bancaria italiana, ha disdettato in anticipo il contratto nazionale dei lavoratori bancari, in scadenza nel giugno 2014. 

Con la disdetta l’Abi blocca gli aumenti contrattuali automatici, previsti dall’attuale contratto firmato il 19 gennaio 2012 e valido fino al 30 giugno 2014. I sindacati evidenziano che le banche hanno già pesantemente tagliato il costo del personale riducendo, a livello di sistema, dal 2008 al 2012 28.500 posti di lavoro. Altri 40.000 esuberi sono stimati dai sindacati per i prossimi anni. I dipendenti delle banche italiane aderenti all’Abi oggi sono circa 330.000.

Per Agostino Megale, segretario generale della Fisac Cgil, la disdetta del contratto è “un gravissimo errore che abbiamo respinto con forza unitariamente chiedendo il ritiro della disdetta. Contro questa decisione, quest’ultima, “contro la quale ci mobiliteremo insieme con attivi unitari e assemblee per preparare lo sciopero della categoria”.