Proposta Francia all’Ue: “Google, Amazon e co paghino le tasse dove guadagnano”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 21 settembre 2013 11:19 | Ultimo aggiornamento: 21 settembre 2013 11:19
Proposta Francia all'Ue: "Google, Amazon e co paghino le tasse dove guadagnano"

La ministra Fleur Pellerin (Foto Lapresse)

PARIGI – “L’Europa tassi Amazon e gli altri colossi del web come Google, Microsoft, Apple e Facebook: è la proposta della ministra francese dell’Economia digitale, Fleur Pellerin. 

L’idea, spiega Stefano Montefiori sul Corriere ella Sera, è nata dopo che dal rapporto della Federazione francese delle telecomunicazioni consegnato al governo di Parigi è venuto fuori che nel 2011 le aziende americane hanno pagato in Francia 37,5 milioni di euro in tutto, dichiarando solo attività di marketing o comunicazione. Ma se non ci fosse stata l’ottimizzazione fiscale concessa da Lussemburgo e Irlanda, e avessero dovuto pagare tutte le tasse delle loro attività in loco, avrebbero dovuto versare 830 milioni, 22 volte di più.

L’obiettivo è mettere a punto un sistema fiscale che obblighi le aziende come Google e Microsoft a pagare le tasse nel Paese dove sono generati i loro ricavi.

La situazione francese non è unica, ma simile a quella italiana e di molti altri Paesi europei. Per questo la ministra Pellerin ha convocato un vertice con altri sette Paesi Ue: oltre all’Italia, Germania, Gran Bretagna, Spagna, Polonia, Ungheria e Belgio. L’incontro si terrà il 24 settembre a Parigi. Per l’Italia parteciperà il l viceministro allo Sviluppo economico, Carlo Calenda.

 

La stessa questione sarà poi trattata in sede europea al Consiglio europeo sul digitale del 24 e 25 ottobre e alla riunione dei capi di governo del febbraio 2014 dedicata alla reindustrializzazione dell’Europa.

Come ricorda Montefiori, la Francia da anni insegue una risposta a Google. Tentò con il motore di ricerca Quaero, lanciato dal presidente Jacques Chirac nel 2005 ma fallito poco dopo.