Quantitative easing, testo integrale del comunicato ufficiale della Bce

di Redazione Blitz
Pubblicato il 22 Gennaio 2015 16:21 | Ultimo aggiornamento: 22 Gennaio 2015 17:37
Quantitative easing, testo integrale del comunicato ufficiale della Bce

Quantitative easing, testo integrale del comunicato ufficiale della Bce

FRANCOFORTE, GERMANIA – Quantitative easing, ecco il testo integrale del comunicato ufficiale della Banca Centrale Europea. VIDEO integrale della conferenza stampa di Mario Draghi. Nell’intestazione c’è scritto: “Mario Draghi, Presidente della BCE, Francoforte sul Meno, 22 Gennaio 2015“.

Leggi anche: Quantitative easing, Bce fa boom: 1000 miliardi in 18 mesi, ma rischi condivisi solo al 20% –  Quantitative easing, quote della Bce per Paese: Germania 17%, Italia 12, Francia 14 – Questo il comunicato:

“Signore e signori, il Vice-Presidente ed io siamo molto lieti di accogliervi nella nostra conferenza stampa. Lasciate che vi auguri a tutti un Felice Anno Nuovo. Vorrei anche cogliere l’occasione per accogliere la Lituania come 19° Paese ad adottare l’euro come moneta. Di conseguenza, il signor Vasiliauskas, il Presidente del Consiglio della Lietuvos Bankas, è diventato membro del Consiglio direttivo (della Bce, ndr) dal 1 ° gennaio 2015. L’adesione della Lituania alla zona dell’euro il 1 gennaio 2015 ha innescato un sistema in base al quale i governatori delle BCN, hanno a rotazione il diritto di voto nel Consiglio direttivo. I dettagli di questo sistema di rotazione sono disponibili sul sito Internet della BCE. Passiamo ora riferire sui risultati della riunione odierna del Consiglio direttivo, che ha partecipato anche il vicepresidente della Commissione, l’onorevole Dombrovskis. Testo originale in inglese.

Sulla base delle nostre periodiche analisi della situazione economica e monetaria, abbiamo condotto un riesame approfondito delle prospettive per l’andamento dei prezzi e dello stimolo monetario raggiunto. Di conseguenza, il Consiglio direttivo ha preso le seguenti decisioni:

In primo luogo, ha deciso di lanciare un programma esteso di acquisto di asset, che comprende i programmi di acquisto esistenti per i titoli garantiti da attività e obbligazioni garantite. Nell’ambito di questo programma ampliato, gli acquisti mensili combinati di titoli pubblici e privati ​​ammonteranno a 60 miliardi di euro. Essi sono destinati ad essere effettuati fino alla fine di settembre 2016 e saranno in ogni caso effettuati fino a quando non vedremo un aggiustamento costante nel percorso di inflazione, che è in linea con il nostro obiettivo di raggiungere tassi di inflazione inferiori ma prossimi al 2% nel corso del medio termine.

Nel marzo 2015 l’Eurosistema inizierà ad acquistare titoli investment grade denominati in euro emessi dai governi dell’area dell’euro e le agenzie e le istituzioni europee sul mercato secondario. Gli acquisti di titoli emessi da governi e agenzie dell’area dell’euro saranno basati su azioni dell’Eurosistema BCN ‘nello schema di capitale della BCE. Alcuni criteri di ammissibilità supplementari saranno applicate nel caso di paesi nel quadro di un programma di aggiustamento UE / FMI.

In secondo luogo, il Consiglio direttivo ha deciso di cambiare i prezzi delle sei rimanenti operazioni di rifinanziamento a più lungo termine mirati (TLTROs). Di conseguenza, il tasso di interesse applicabile alle future operazioni TLTRO sarà pari al tasso sulle operazioni di rifinanziamento principali dell’Eurosistema in vigore al momento in cui ogni TLTRO è condotto, eliminando in questo modo il punto di diffusione di 10 punti base sul tasso MRO che applicato ai primi due TLTROs .

In terzo luogo, in linea con la nostra guida in avanti, abbiamo deciso di mantenere i tassi di riferimento della BCE invariati.

Per quanto riguarda gli acquisti di asset complementari, il Consiglio direttivo mantiene il controllo su tutte le caratteristiche di progettazione del programma e la BCE coordinerà gli acquisti, salvaguardando così l’unicità della politica monetaria dell’Eurosistema. L’Eurosistema si avvarrà di attuazione decentrata a mobilitare le sue risorse. Per quanto riguarda la condivisione delle perdite ipotetiche, il Consiglio direttivo ha deciso che gli acquisti di titoli di istituzioni europee (che saranno il 12% degli acquisti di asset complementari, e che saranno acquistati dalle BCN) saranno oggetto di condivisione della perdita. Il resto degli acquisti di asset complementari alla BCN, non saranno oggetto di condivisione della perdita. La BCE terrà l’8% degli acquisti di asset complementari. Ciò implica che il 20% degli acquisti di asset complementari sarà soggetto ad un regime di condivisione del rischio.

La decisione di politica monetaria di oggi su ulteriori acquisti di asset è stata presa per contrastare due sviluppi sfavorevoli. In primo luogo, la dinamica dell’inflazione ha continuato ad essere più debole del previsto. Mentre il forte calo del prezzo del petrolio negli ultimi mesi rimane il fattore dominante di guida dell’inflazione attuale, il potenziale degli effetti di secondo impatto sui salari e dei prezzi è aumentato e potrebbe influenzare negativamente l’andamento dei prezzi a medio termine. Questa valutazione è sostenuta da un ulteriore calo delle misure di mercato delle aspettative di inflazione a tutti gli orizzonti e il fatto che la maggior parte degli indicatori di supporto effettivo o previsto inflazione, o vicino ai loro minimi storici. Allo stesso tempo, la stagnazione economica nell’area dell’euro rimane considerevole e la ripresa degli investimenti e dei consumi resta debole.

In secondo luogo, mentre le misure di politica monetaria adottate tra giugno e settembre dello scorso anno ha determinato un miglioramento materiale in termini di prezzi di mercato finanziario, questo non era il caso per i risultati quantitativi. Di conseguenza, il grado prevalente dei depositi di moneta erano insufficiente per affrontare adeguatamente i rischi crescenti di un troppo prolungato periodo di bassa inflazione. Così, oggi l’adozione di ulteriori misure di bilancio si è reso necessario per raggiungere il nostro obiettivo di stabilità dei prezzi, dato che i tassi di riferimento della BCE hanno raggiunto la loro soglia minima.

Guardando al futuro, le misure di oggi saranno decisamente volte a sostenere il saldo ancoraggio delle aspettative di inflazione a medio-lungo termine. Il notevole aumento nel nostro stato patrimoniale faciliterà ulteriormente la politica monetaria. In particolare, le condizioni di finanziamento delle imprese e delle famiglie nell’area dell’euro continueranno a migliorare. Inoltre, le decisioni di oggi sosterranno la nostra guida in avanti sui tassi di riferimento della BCE e rafforzeranno il fatto che ci sono differenze significative e crescenti nel ciclo di politica monetaria tra le principali economie avanzate. Presi insieme, questi fattori dovrebbero rafforzare la domanda, aumentare l’utilizzo della capacità e sostenere la crescita monetaria e creditizia, e contribuire in tal modo ad un ritorno dei tassi di inflazione verso il 2%.

Permettetemi ora di spiegare la nostra valutazione in modo più dettagliato, a partire dalla analisi economica. Il PIL in termini reali dell’area dell’euro è aumentato del 0,2%, rispetto al trimestre precedente, nel terzo trimestre del 2014. I dati più recenti e le visite di punto prova continua crescita moderata alla fine dell’anno. Guardando al futuro, i recenti cali del prezzo del petrolio hanno rafforzato le basi perché prenda slancio la ripresa economica. Prezzi del petrolio più bassi dovrebbero sostenere il reddito reale disponibile delle famiglie e la redditività delle imprese. La domanda interna dovrebbe essere ulteriormente sostenuta dalle nostre misure di politica monetaria, i miglioramenti continui delle condizioni finanziarie e dei progressi compiuti nel consolidamento fiscale e le riforme strutturali. Inoltre, la domanda per le esportazioni dovrebbero beneficiare della ripresa globale. Tuttavia, la ripresa nell’area dell’euro è probabile che continui a essere frenata da una disoccupazione elevata, notevole capacità inutilizzata, e gli adeguamenti di bilancio nei settori pubblico e privato.

I rischi che circondano le prospettive economiche per l’area dell’euro restano al ribasso, ma dovrebbero sono diminuiti dopo le decisioni di politica monetaria di oggi e la continua caduta dei prezzi del petrolio nelle ultime settimane.

Secondo Eurostat, l’inflazione nell’area dell’euro misurata sullo IAPC è stata -0,2% a dicembre 2014, dopo lo 0,3% di novembre. Questo calo riflette principalmente un forte calo dell’inflazione dei prezzi di energia e, in misura minore, un calo del tasso di variazione dei prezzi dei prodotti alimentari. Sulla base delle informazioni attuali e prevalenti i prezzi dei futures di petrolio, l’inflazione dovrebbe rimanere molto bassa o negativa nei prossimi mesi. Tali bassi tassi di inflazione sono inevitabili nel breve termine, dato il recente e molto forte calo dei prezzi del petrolio e supponendo che nessuna correzione significativa si svolgerà nei prossimi mesi. Supportati dalle nostre misure di politica monetaria, dalla ripresa della domanda e da un graduale aumento dei prezzi del petrolio nel prossimo periodo, i tassi di inflazione dovrebbero aumentare gradualmente più tardi nel 2015 e nel 2016.

Il Consiglio direttivo continuerà a seguire con attenzione i rischi per le prospettive per l’andamento dei prezzi nel medio termine. In questo contesto, ci concentreremo in particolare sugli sviluppi geopolitici, il tasso di cambio e dei prezzi dell’energia, e il pass-through delle nostre misure di politica monetaria.

Per quanto riguarda l’analisi monetaria, i dati più recenti indicano una ripresa della crescita di fondo monetario ampio (M3), anche se rimane a livelli bassi. Il tasso di crescita annuo di M3 è salito al 3,1% nel mese di novembre 2014, dal 2,5% nel mese di ottobre. Il punto più basso è stato il +0,8% nel mese di aprile 2014. La crescita annua di M3 continua a essere sostenuta dalle sue componenti più liquide, con la stretta aggregato monetario M1 crescendo a un tasso annuo del 6,9% nel mese di novembre.

Il tasso di variazione dei prestiti alle società non finanziarie (corretti per cessioni e cartolarizzazioni) è rimasta debole a -1,3% nel mese di novembre 2014, rispetto al -1,6% nel mese di ottobre, mentre continua la sua graduale ripresa da una depressione di -3,2% nel febbraio del 2014. In media negli ultimi mesi, i riscatti netti hanno moderato dai livelli storicamente elevati registrato un anno fa e flussi netti di credito girato leggermente positivo nel mese di novembre. A questo proposito, il gennaio 2015 sul credito bancario indica un ulteriore allentamento netto dei criteri nel quarto trimestre del 2014, con le disparità di fondo in diminuzione in parallelo con un aumento della domanda netta di prestiti in tutte le categorie di prestiti.

Le banche si aspettano che queste dinamiche continuino nei primi mesi del 2015. Nonostante questi miglioramenti, i prestiti alle società non finanziarie resta debole e continua a riflettere il rapporto ritardato con il ciclo economico, il rischio di credito, i fattori di offerta del credito e la regolazione continua di finanziaria e non bilanci del settore finanziario. Il tasso di crescita dei prestiti alle famiglie (corretti per cessioni e cartolarizzazioni) è stato dello 0,7% a novembre, dopo lo 0,6% di ottobre. Le nostre misure di politica monetaria dovrebbero sostenere un ulteriore miglioramento dei flussi di credito.

In sintesi, una verifica incrociata dei risultati dell’analisi economica con i segnali provenienti dall’analisi monetaria conferma la necessità di un ulteriore alloggio della politica monetaria. Tutte le nostre misure di politica monetaria dovrebbero fornire un sostegno alla ripresa nell’area dell’euro e portare i tassi di inflazione più vicino a livelli inferiori, ma prossimi al 2%.

La politica monetaria è focalizzata sul mantenimento della stabilità dei prezzi nel medio periodo e la sua posizione accomodante contribuisce a sostenere l’attività economica. Tuttavia, al fine di aumentare l’attività di investimento, promuovere la creazione di posti di lavoro e aumentare la crescita della produttività, altri settori politici devono contribuire in modo decisivo. In particolare, la decisa attuazione di riforme del mercato del lavoro e di quello dei beni e dei servizi, nonché azioni volte a migliorare il contesto legislativo ed economico per le imprese che vogliono investire hanno bisogno di guadagnare slancio in diversi Paesi.

È fondamentale che le riforme strutturali siano attuate in modo rapido, credibile ed efficace perché non solo renderanno più probabile una crescita sostenibile della zona euro, ma aumenteranno le aspettative di redditi più elevati e incoraggeranno le imprese ad aumentare gli investimenti di oggi e ad anticipare la ripresa economica. Le politiche di bilancio dovrebbero sostenere la ripresa economica, garantendo nel contempo la sostenibilità del debito nel rispetto del patto di stabilità e crescita, che rimane l’ancora per la fiducia. Tutti i Paesi dovrebbero utilizzare i margini d’azione che hanno per un adottare politiche di riduzione del debito più compatibili con la crescita economica”.