“Quota 96 per i professori, mancano i fondi”: Ragioneria affonda deroghe Fornero

di redazione Blitz
Pubblicato il 3 Agosto 2014 13:25 | Ultimo aggiornamento: 3 Agosto 2014 13:36
"Quota 96 per i professori, mancano i fondi": Ragioneria affonda deroghe Fornero

“Quota 96 per i professori, mancano i fondi”: Ragioneria affonda deroghe Fornero

ROMA – La Ragioneria generale dello Stato ha bocciato il pensionamento anticipato dei 4.000 insegnanti, approvata appena la settimana scorsa dalla Camera all’interno del decreto di riforma della pubblica amministrazione: coperture insufficienti, perché così come è formulata la norma non è in grado di

«assicurare il rispetto dei 4.000 soggetti».

Giusy Franzese sul Messaggero gela, nonostante il caldo, le speranze dei 4 mila intrappolati negli errori della burocrazia: è la seconda volta in pochi mesi che la Ragioneria generale dello Stato si mette di traverso sul prepensionamento degli insegnanti.

La Ragioneria ha anche bocciato

“l’altra deroga alla riforma Fornero: l’eliminazione delle penalizzazioni per l’accesso alla pensione anticipata per chi matura i requisiti entro il 31 dicembre 2017. La relazione, datata primo agosto e indirizzata alla presidenza del Consiglio dei ministri e alla Commissione Bilancio del Senato (dove il provvedimento è approdato), non fornisce scampo alle due norme (mentre promuove tutto il resto). E rischia di innescare un nuovo caso politico, visto che alla Camera il decreto è passato con la fiducia”

e ora, se al Senato la norma dovesse essere modificata,

“servirà una terza lettura della Camera, cosa che potrebbe mettere a rischio i tempi di conversione”.

I deputati Pd della commissione Lavoro della Camera hanno diffuso una nota polemica in cui afffermano:

“Quando le relazioni tecniche dell’Inps prevedono quantificazioni enormi e irragionevoli, alla Ragioneria vanno bene; questa volta si mettono in discussione i numeri dei possibili pensionamenti, dati dall’Inps, e si modifica la previsione degli oneri secondo calcoli autonomi”.

Avverte Giusy Franzese che non si tratta di una deroga alla legge Fornero, ma, insistono i sostenitori della norma,

“è una correzione di un errore contenuto in quella legge”.

Si tratta, spiega ancora Giusy Franzese,

“degli insegnanti che, in base alle regole pre-Fornero della vecchia «quota 96», avrebbero maturato il diritto alla pensione tra il 1 gennaio e il 31 agosto del 2012, nel corso dell’anno scolastico 2011/2012. Una ricognizione del Miur basata su un questionario inviato al corpo docente quantifica i soggetti coinvolti in 4.000 unità. Ed è su questo numero che si basa la norma approvata alla Camera. Ma la Ragioneria sostiene che «di fatto la disposizione prefigura per il settore della scuola una salvaguardia aperta, non in grado di assicurare il rispetto del limite dei 4.000 soggetti, con effetti in termini di maggiori oneri per i quali non è individuata adeguata copertura finanziaria»”.

Per quanto riguarda l’eliminazione delle penalizzazioni per chi sceglie di andare in pensione prima dei 62 anni di età,

“la legge Fornero lo consente agli uomini che hanno 42 anni e 6 mesi di contributi, e alle donne che ne hanno 41 anni e 6 mesi. I contributi però devono essere da effettiva prestazione lavorativa, sono esclusi quindi quelli figurativi (ad eccezione della maternità obbligatoria, la leva militare, cig ordinaria, malattia infortunio, donazioni di sangue, congedi parentali, permessi per assistenza disabili). Di fatto sono fuori il riscatto della laurea e i contributi volontari. Prevista anche una decurtazione economica tra l’1 eil 4% dell’assegno.

“La nuova norma votata alla Camera elimina entrambe le penalizzazioni (contributi e assegno) per chi matura i requisiti entro dicembre 2017.

“Ma la Ragioneria contesta: la copertura indicata «è sottostimata», anziché 1 milione nel 2014 ne servono 5, al posto dei 3 individuati per il 2015 ne occorrono 15 milioni, e non basteranno di certo i due milioni indicati per ciascuno degli anni a venire, ma le cifre sono molto più alte, ovvero 35 milioni nel 2016, 50 nel 2017 e 60 a decorrere dal 2018”.