Reddito di cittadinanza non spinge i consumi, certifica l’Istat. Le famiglie preferiscono risparmiare

di Redazione Blitz
Pubblicato il 22 maggio 2019 14:36 | Ultimo aggiornamento: 22 maggio 2019 14:36
Reddito di cittadinanza non spinge i consumi, certifica l'Istat. Le famiglie preferiscono risparmiare

Reddito di cittadinanza non spinge i consumi, certifica l’Istat. Le famiglie preferiscono risparmiare

ROMA – L’Istat per il 2019 prevede “un moderato incremento dei consumi delle famiglie”, sostenuto, spiega, “dall’aumento del monte salari e, in misura limitata, dalle misure sul reddito di cittadinanza”. Nel dettaglio, nel 2019 in Italia la spesa delle famiglie è “prevista crescere a un tasso simile a quello del 2018 (+0,5% rispetto a +0,6%)”. E aggiunge: “in presenza di un miglioramento del potere di acquisto, l’attuale fase di incertezza porterebbe le famiglie ad assumere comportamenti precauzionali, determinando un aumento della propensione al risparmio”.

Da decreto crescita aiuto contenuto a investimenti. “Nel 2019, gli investimenti fissi lordi italiani aumenterebbero (+0,3%) beneficiando in misura contenuta anche delle agevolazioni inserite nel decreto crescita”. Le previsioni dell’Istat sul Pil nel 2019 sono migliori anche di quelle dell’Ocse, diffuse in settimana (0,0%), e dell’indicazione contenuta nel Def di aprile (la stima programmatica del Governo è pari allo 0,2%).

Aumenta disoccupazione. “La decelerazione dei ritmi produttivi inciderebbe anche sul mercato del lavoro. Nel 2019 si prevede che l’occupazione rimanga sui livelli dell’anno precedente (+0,1%) mentre si registrerebbe un lieve aumento del tasso di disoccupazione (10,8%)”. Così l’Istat nelle “prospettive per l’economia italiana”, rivedendo in peggioramento le stime rilasciate a novembre scorso, quando la disoccupazione veniva data al 10,2%. Nel 2018 il tasso è stato pari al 10,6%. (fonte Ansa)

5 x 1000