Reddito di cittadinanza, in arrivo primi ricorsi da stranieri. “Requisiti incostituzionali”

di redazione Blitz
Pubblicato il 6 marzo 2019 16:56 | Ultimo aggiornamento: 7 marzo 2019 8:06
Reddito di cittadinanza, primi ricorsi da stranieri in arrivo. "Requisiti incostituzionali"

Reddito di cittadinanza, primi ricorsi da stranieri in arrivo. “Requisiti incostituzionali” (foto Ansa)

MILANO  –  Il reddito di cittadinanza è appena entrato in vigore e già si preparano i primi ricorsi. Li annuncia l’avvocato Alberto Guariso, dell’Associazione studi giuridici sull’immigrazione (Asgi), che negli ultimi anni ha visto accogliere molti ricorsi in materia di discriminazione. 

In un paio di mesi “credo che già riusciremo a depositare i primi ricorsi”, probabilmente con una prima “causa pilota al Tribunale di Milano”, per sollevare l’eccezione di incostituzionalità della legge sul reddito di cittadinanza che prevede i due requisiti del “permesso di lungo periodo” e dei “10 anni di residenza” per gli stranieri, ha spiegato all’ANSA Guariso. 

L’avvocato ha chiarito che, in particolare per quanto riguarda il requisito richiesto dei dieci anni di residenza, nei ricorsi si potrà fare leva sulla sentenza numero 166 della Corte Costituzionale dello scorso luglio, che ha già dichiarato incostituzionale il requisito della residenza quinquennale sul territorio regionale o decennale sul territorio nazionale che veniva richiesto ai soli cittadini extra-comunitari per l’accesso al contributo per il pagamento del canone di locazione concesso agli indigenti, il cosiddetto “bonus affitti”.

Proprio sulla base di quella pronuncia, che richiama l’articolo 3 della Costituzione su pari dignità sociale e uguaglianza, la Corte d’Appello milanese a dicembre ha dichiarato il “carattere discriminatorio” di una delibera della Regione Lombardia del 2015 che aveva previsto per l’accesso al ‘Fondo sostegno affitti’ per i cittadini extra Ue i requisiti “dell’esercizio di una regolare attività” di lavoro e della residenza da almeno 10 anni in Italia e da almeno 5 nella regione.

In più, per quanto riguarda l’altro requisito necessario per gli stranieri, ossia quello di avere unpermesso di lungo periodo” che, ha chiarito il legale, “esclude i titolari di permessi a tempo determinato che rappresentano il 35% degli stranieri regolarmente soggiornanti in Italia”, il legale ha ricordato che anche su questo punto c’è giurisprudenza della Corte Costituzionale, a partire dal 2013, soprattutto sulle “prestazioni per l’invalidità e la disabilità”.

L’avvocato ha spiegato che quando le prime domande (oggi è il primo giorno in cui si può richiedere il reddito di cittadinanza) degli stranieri, che non hanno quei due requisiti, saranno rigettate, Asgi inizierà a depositare i primi ricorsi, assistendo quei migranti e partendo probabilmente da una “causa pilota al Tribunale del Lavoro di Milano, il più veloce”. Nel ricorso verrà sollevata l’eccezione di legittimità costituzionale delle norme e, dunque, la causa si interromperà in attesa che la Consulta si pronunci. 

Fonte: Ansa