Reddito di Cittadinanza lo vogliono extra large, fino a 40 mld. Errare è M5S, perseverare è…trasversale

di Alessandro Camilli
Pubblicato il 22 Giugno 2021 9:12 | Ultimo aggiornamento: 22 Giugno 2021 9:12
Reddito di Cittadinanza lo vogliono extra large, fino a 40 mld. Errare è M5S, perseverare è...trasversale

Reddito di Cittadinanza lo vogliono extra large, fino a 40 mld. Errare è M5S, perseverare è…trasversale (Foto d’archivoio Ansa)

Reddito di cittadinanza, attualmente lo percepiscono circa un milione e mezzo di italiani, importo medio a fine mese sotto i 600 euro, costo per la cassa pubblica di circa sette miliardi. E’ il reddito di cittadinanza una delle varie forme di sussidio in moneta: con pensioni di cittadinanza, reddito di emergenza e sostegni vari (anche Regionali e Comunali) a maggio erano circa 4 milioni gli italiani che percepivano un assegno pubblico.

Forte è in Parlamento l’intenzione ad aumentare la platea dei percettori e ad allungare i tempi del sostegno e ad allargare, a dismisura, la spesa.

Reddito cittadinanza senza controlli ma soprattutto senza sbocco

Reddito di cittadinanza non ha in Italia reali controlli sulla congruità della sua erogazione con la reale situazione economica di chi lo chiede e lo ottiene. Pochi controlli hanno comunque portato a migliaia di persone denunciate. Ma il punto più dolente non è la relativa facilità di incassarlo a sbafo, è che è un reddito, una spesa senza sbocco.

Culturalmente il reddito di cittadinanza è a vita. Quando nasce viene presentato come il veicolo che porta a trovare lavoro e, mentre te lo cerca e trova il lavoro, ti sostiene con un reddito di Stato. Mai stato così, neanche per un giorno. Nessuno, tanto meno i navigator, cerca e trova lavoro per chi ha ottenuto il reddito di cittadinanza.

Il reddito di cittadinanza è quindi diventato una cosa che si prende se ci si riesce, abbastanza sganciato dalla vera indigenza e totalmente sganciato dal mercato del lavoro. Un sistema politico non gravemente malato avrebbe preso atto di questa evidenza.

Allargare la platea, allungare il tempo

E invece no. Il Parlamento è pieno di proposte per allargare la platea di chi prende il reddito di cittadinanza: togliere il limite dei dieci anni di residenza in Italia, togliere la norma per cui se lavori per quei mesi il reddito è sospeso…L’idea di dare qualche centinaio di euro al mese a milioni e milioni di elettori è troppo affascinante per gran parte del personale politico-parlamentare.

Così Il Sole 24 Ore si è preso la briga di calcolare a quanto ammonterebbe la spesa per il redditi di cittadinanza extra large sussurrato all’orecchio di Draghi da tutti i partiti o quasi: 40 miliardi. Dalla Ue arrivano a luglio-agosto i primi 25 miliardi per cambiare i connotati del sistema socio economico italiano. Potessimo far di nostro istinto e parlamentare volontà, ce li saremmo già spesi, tutti e di più, per restare il paese della maggiore spesa assistenziale, magari a vita.