Reddito minimo a over 55. Tito Boeri spiega sostegno di inclusione attiva Inps

di Redazione Blitz
Pubblicato il 4 agosto 2015 11:44 | Ultimo aggiornamento: 4 agosto 2015 11:44
Reddito minimo a over 55. Tito Boeri spiega sostegno di inclusione attiva Inps

Reddito minimo a over 55. Tito Boeri spiega sostegno di inclusione attiva Inps (foto Ansa)

ROMA – Reddito minimo agli over 55. E’ il piano che Tito Boeri, presidente dell’Inps, ha annunciato in una intervista al Mattino. I dati sulla povertà al Sud? “Noi partiamo dalla consapevolezza che questo problema è di gravità assoluta. L’Inps per contrastare la povertà ha proposto al governo di introdurre in Italia un sistema di reddito minimo garantito che abbiamo chiamato ‘sostegno di inclusione attiva’ per le persone che hanno più di 55 anni e per le loro famiglie”.

Boeri spiega il perché della scelta di questa fascia d’età: “ha registrato il maggiore incremento nell’incidenza della povertà”. “C’è anche un messaggio culturale importante che deve essere dato, soprattutto al Sud: esistono amministrazioni dello Stato efficienti, come l’Inps, che sono in grado di affrontare il problema e alle quali ci si può rivolgere senza alcuna intermediazione e senza dover ricorrere al politico locale”.

“Il reddito minimo – dice Boeri – è un diritto di cui le persone possono godere, cui corrispondono” “una serie di doveri e su cui ci sarà un controllo stringente e costante da parte di un’amministrazione indipendente dal potere politico locale”. Boeri spiega che per questo sostegno “si terrà conto dei livelli di reddito delle famiglie, si considereranno i loro patrimoni immobiliari e mobiliari e tutti i dati oggi in possesso delle amministrazioni pubbliche verranno utilizzati per controllare l’effettiva condizione di povertà dei potenziali beneficiari”.

Il reddito di cittadinanza dei Cinque Stelle? Le proposte del M5s, dice il presidente Inps, “implicano trasferimenti a somma fissa e vanno a vantaggio anche di persone che non sono in condizioni di bisogno. E il cui costo, inoltre, raggiungerebbe i due punti di Pil”. Al contrario, spiega Boeri, per la sua proposta l’Inps non chiederà risorse allo Stato: “Assolutamente no. Non a caso abbiamo chiamato la nostra proposta ‘chiavi in mano’: le risorse si possono trovare nell’ambito delle politiche oggi gestite dall’Inps e abbiamo la capacità di attuare i controlli”. “Il governo dovrebbe rafforzare però la nostra capacità di sanzione e di intervento”.