Salvini: “Pil? Ue sbaglia sempre le previsioni”. Sì, ma per troppo ottimismo…

di Redazione Blitz
Pubblicato il 8 febbraio 2019 10:15 | Ultimo aggiornamento: 8 febbraio 2019 10:15
Salvini: "Pil? Ue sbaglia sempre le previsioni". Sì, ma per troppo ottimismo...

Salvini: “Pil? Ue sbaglia sempre le previsioni”. Sì, ma per troppo ottimismo… (La tabella riportata dall’Agi)

ROMA – Le previsioni della Commissione europea stimano una crescita del Pil italiano nel 2019 dello 0,2%, la più bassa nell’Unione europea, mentre il governo ne stima una dell’1%, o più, dopo aver abbassato le iniziali stime dell’1,5%. Salvini ha quindi dichiarato: “Non amo parlare di chi non ha mai beccato le previsioni negli ultimi dieci anni”. E Salvini infatti ha ragione, negli ultimi dieci anni le previsioni diffuse dalla Commissione europea a inizio anno sulla crescita del Pil durante l’anno stesso si sono sempre rivelate imprecise. Peccato però che l’errore della Commissione, in sette casi su 10, è stato per un eccesso di ottimismo…

Dieci volte su dieci la Commissione ha quindi sbagliato le previsioni, con un errore massimo di 1,4 punti percentuali nel 2012 e uno minimo di 0,3 punti nel 2015-2016. La media di errore nei dieci anni considerati è di 0,66 punti. Come anticipato, l’errore è sempre stato un eccesso di ottimismo, tranne che in tre casi: nel 2010, quando il “rimbalzo” del Pil dopo la crisi del 2008/2009 fu superiore alle aspettative, nel 2015 e nel 2017, quando la crescita fu più robusta del previsto.

In conclusione quindi Salvini ha ragione nel sostenere che la Commissione non abbia mai “beccato” le previsioni negli ultimi dieci anni. Due volte su tre, però, l’errore dell’esecutivo comunitario è stato quello di attribuire all’Italia una crescita del Pil superiore a quella poi effettivamente registrata. Speriamo non sia questo il caso, vista la stima di un misero 0,2%…