Sardegna, Cappellacci vuole dimezzare le Province: “Le riporteremo a quattro”

Pubblicato il 2 Luglio 2010 14:06 | Ultimo aggiornamento: 2 Luglio 2010 14:21
cappellacci

Ugo Cappellacci

La Sardegna è pronta ad abolire quattro Province su otto, dopo il raddoppio varato nel 2001. Lo ha annunciato il presidente della Regione, Ugo Cappellacci, nell’ambito delle misure di contenimento della spesa che hanno portato la Giunta ad approvare una manovra correttiva da 380 milioni di euro.

Il governatore ha spiegato che la crisi impone uno sforzo di tutti e si devono dare segnali concreti, evitando inutili sprechi e razionalizzando la spesa: ”Sin dalla prossima settimana fra le ipotesi di lavoro che verranno presentate agli alleati di maggioranza c’è anche quella della possibilità di abolire quattro Province”.

Il possibile taglio è figlio della crisi economica che sta mettendo in ginocchio l’isola, ma un peso rilevante nella decisione lo ha avuto anche il drastico calo dei votanti nelle recenti elezioni amministrative. La vittoria dell’astensionismo, con il 43,3% al primo turno e circa il 70% al ballottaggio, è stata letta da osservatori e politici di entrambi gli schieramenti come una sonora bocciatura delle otto province nate con il raddoppio solo nel 2001.