Scalata Fiat in Chrysler: “Presto altro 5%”. Marchionne: “Firma su ex Bertone o salta”

Pubblicato il 11 Aprile 2011 10:34 | Ultimo aggiornamento: 11 Aprile 2011 14:29

BALOCCO (VERCELLI) – La Fiat acquisterà un’altra quota del 5% di Chrysler nei ”prossimi giorni”. Lo ha affermato Sergio Marchionne, l’amministratore delegato della Fiat, arrivando a Balocco (Vercelli) per la presentazione della Jeep. ”Mancano solo dei dettagli, non dipende da noi”, ha aggiunto Marchionne. ‘Questione di giorni, potremmo chiuderla anche domani”.

Marchionne ha detto di non sapere se entro la fine del 2011 Fiat riuscirà a detenere il 51% di Chrysler: ”Non so se ce la farò quest’anno, l’intenzione c’è. Dipende se riusciremo a rifinanziare il debito con il governo”.

Marchionne ha quindi minacciato: Ci sono ”pochi giorni” per raggiungere l’accordo per l’investimento nella ex Bertone o salterà tutto. Per quanto riguarda l’ex carrozzeria, ha detto l’amministratore delegato, ”i piani alternativi ci sono. Li abbiamo sia in Italia sia altrove. Preferirei fare la Maserati in Italia, sono ottimista sul fatto che la vettura si possa fare nel nostro Paese”.

Marchionne ha poi commentato le parole del presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia, secondo la quale le imprese italiane sono state lasciate sole ultimamente: ”Nella battaglia per Pomigliano e Mirafiori siamo stati soli”, ha detto l’ad di Fiat.

“Le difficoltà che stiamo incontrando alla Fiat – ha aggiunto – riflettono una mancanza di coesione. La battaglia per Pomigliano e Mirafiori parla chiaro: ci hanno lasciati soli”.

Marchionne ha invece negato che il lancio della nuova Alfa Romeo slitterà al 2013.