Scontrini online, l’elenco degli esonerati: idraulico, notai, benzinai…

di Redazione Blitz
Pubblicato il 2 maggio 2019 13:28 | Ultimo aggiornamento: 2 maggio 2019 20:35
Scontrini online, l'elenco degli esonerati: idraulico, notai, benzinai... (foto Ansa)

Scontrini online, l’elenco degli esonerati: idraulico, notai, benzinai… (foto Ansa)

ROMA – Dal 1 luglio 2019 (per i soggetti con volume d’affari superiore a 400.000 €) e dal 1 gennaio 2020 (per tutti gli altri contribuenti) chi non si adegua all’obbligo di emissione degli scontrini e delle ricevute telematiche rischia sanzioni pesanti. Sanzioni pari al 100% dell’imposta relativa. E se il comportamento persiste per un quinquennio si potrà rischiare, addirittura, la sospensione dell’attività.

Sarà così per tutti? No. Perché sono numerose le “partite Iva” che saranno esentate da questo obbligo. Saranno esclusi i tabaccai e chi vende altri beni commercializzati esclusivamente dai Monopoli. Esclusi anche i benzinai per i “pieni” ai clienti che acquistano al di fuori dell’esercizio di impresa, arte e professione. Esclusi anche i produttori agricoli, i notai, i giornalai, quelli del settore scommesse e new slot ma anche fumisti, ciabattini, ombrellai e arrotini in forma itinerante.

Esclusi dall’obbligo anche  tutti coloro che vendono cartoline e souvenirs, palloncini, giochi per bambini, gelati, dolci e caldarroste e olive “fusaie” non muniti di attrezzature motorizzate. E anche chi vende panini e bevande agli stadi, alle stazioni, nei cinema e nei teatri.

E non è finita qui. Come scrivono Marco Mobili e Giovanni Parente del “Sole 24 Ore”:

Dai tecnici del Mef sarebbe emersa anche un’ampia apertura per escludere dai corrispettivi telematici anche tutti i contribuenti che oggi sono obbligati alla sola ricevuta fiscale e che svolgono la loro attività presso l’abitazione del cliente o in forma ambulante. Si parla in sostanza di imbianchini, muratori, elettricisti o idraulici, per fare qualche esempio.  Fonte: Il Sole 24 Ore.