Euro sì, alt spread. Merkel e Hollande sulla scia di Draghi

Pubblicato il 27 luglio 2012 15:20 | Ultimo aggiornamento: 27 luglio 2012 18:30
euro

Foto LaPresse

MADRID – Dopo le parole calmiera-spread di Mario Draghi arrivano quelle di Germania e Francia che si uniscono al coro dicendo: Faremo di tutto per salvare l’euro. E subito le Borse riprendono a crescere e lo spread a scendere, toccando in chiusura la quota minima di luglio a 455 con rendimenti al 5,95%. Intanto si delinea un altro giallo sul fronte Spagna: questa volta a non essere chiaro è se c’è e ci sarà un piano di salvataggio di Madrid da parte dell’Ue. All’ora di pranzo di venerdì 27 luglio le agenzie battono la notizia che la Spagna starebbe negoziando un piano di salvataggio da 300 miliardi di euro. Non passa molto che il governo di Madrid smentisce, non solo l’entità dell’aiuto ma anche di dover essere salvata.

Merkel-Hollande. ”Germania e Francia sono decise a fare tutto per proteggere l’eurozona – hanno detto Angela Merkel e Francois Hollande in un comunicato congiunto – La Francia e la Germania sono fondamentalmente obbligati all’integrità della zona euro, e sono determinati a fare tutto il possibile per proteggerla. Gli Stati Membri, come le Istituzioni Europee, ognuno secondo le proprie prerogative, devono adempiere i propri obblighi a questo fine. Francia e Germania riaffermano la necessità di una attuazione rapida delle conclusioni del Consiglio Europeo dei 28 e 29 giugno scorsi”.

Il giallo della Spagna. Secondo le voci, la questione del piano di aiuti sarebbe stata sollevata questa settimana in un incontro a Berlino tra il ministro delle finanze spagnolo, Luis de Guindos e il ministro tedesco, Wolfgang Schaeuble. L’Ansa verso le 14.30 ora italiana batte questa agenzia: “La Spagna avrebbe discusso con la Germania un piano di salvataggio integrale che vedrebbe coinvolta la Troika per circa 300 miliardi di euro se i tassi di rifinanziamento del suo debito restassero insostenibili come in questo momento: l’ipotesi, circolata nei giorni scorsi, è’stata confermata alla Reuters da una fonte Ue”.

Passano pochi minuti e il governo spagnolo si affretta a smentire: ”Non ci sarà alcun salvataggio, non è previsto”, dice il governo di Madrid.