Più Irpef, tagli ai posti letto, buoni pasto: la spending review è legge

Pubblicato il 7 agosto 2012 16:30 | Ultimo aggiornamento: 7 agosto 2012 16:35

soldiROMA – La spending review è legge. La Camera ha dato il via libera definitivo con 371 sì, 86 no e 22 astensioni. Il via libera arriva dopo una mattinata di lavori: prima la fiducia, la 34esima dell’esecutivo Monti, incassata dal Governo con 403 voti favorevoli, 86 contrari e 17 astenuti, poi l’esame degli ordini del giorno, le dichiarazioni di voto e il voto finale.

Tagli alla spesa pubblica per trovare risorse necessarie ad evitare l’aumento dell’Iva ad ottobre, ad ampliare le tutele ad altri 55.000 esodati, e ad aiutare i comuni colpiti dal sisma dell’Emilia. Ma anche qualche aggravio fiscale: dall’Irpef di 8 regioni alle università. Questa l’architettura del decreto sulla spending review:

– STOP AUMENTO IVA: il temuto aumento dal prossimo ottobre di un punto delle due aliquote dell’10% e del 21% slitta a luglio 2013. Costa 3,28 miliardi nel 2012. La legge di stabilità indicherà nuove misure per evitare l’aumento l’anno prossimo.

– ESODATI: altri 55.000 privi sia di lavoro che di pensione potranno accdere a questa con le vecchie regole.

– MINISTERI: risparmi di 1,7 mld nel 2013, 1,5 nel 2014 e 2015.

– REGIONI: sforbiciata ai trasferimenti: -700 milioni nel 2012; – un miliardo i successivi due anni.

– TAGLI ACQUISTI P.A: le amministrazioni centrali dovranno ridurre dall’anno in corso le spese per acquisti di beni e servizi. Tra i tagli, 5 milioni in meno per le intercettazioni.

– ORGANICI P.A.: riduzione del 20% dei dirigenti pubblici, -10% del personale non dirigente. Buono pasto non oltre 7 euro.

– PREFETTURE: risparmi dagli uffici statali sul territorio. Accorpati nelle Prefetture.

– AUTO BLU: tutte le amministrazioni, compresa Bankitalia, taglieranno la spesa del 50%.

– SCUOLA: dal prossimo anno le iscrizioni alle scuole statali avverranno solo on line; pagelle, registri e comunicazioni alle famiglie e agli alunni saranno in formato elettronico.

– ENTI SOPPRESSI: prima tagliati, poi salvati: tra loro il Centro sperimentale di cinematografia e la Cineteca nazionale.

– OSPEDALI: entro novembre le Regioni dovranno tagliare i posti letto ad un livello di 3,7 ogni 1000 abitanti (oggi è 4). Tagli anche alle remunerazioni che ricevono i convenzionati.

– ADDIZIONALE IRPEF: le 8 regioni in disavanzo sanitario (Piemonte, Lazio, Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Calabria, Sicilia) potranno anticipare al 2013 la maggiorazione dell’addizionale regionale Irpef, dallo 0,5% all’1,1%.

– TASSE UNIVERSITARIE: aumentano quelle per gli studenti fuori corso: +25% per redditi sotto 90.000 euro, +100% oltre 150.000 euro. Stop aumenti per chi è in regola e sotto i 40.000 euro

– 800 MLN A COMUNI: arrivano attraverso le Regioni. Le risorse verranno prese da quelle destinate ai Comuni virtuosi (300 mln) e ai rimborsi fiscali (500).

– VIA FARMACI GRIFFATI: nella ricetta dopo la prima diagnosi va indicato il principio attivo del farmaco. Il medico puo’ indicare anche la marca che, se accompagnata da spiegazione, diventa vincolante per i farmacisti.

– FARMACIE: gli conti a carico delle farmacie vengono fissati al 2,25, mentre quelli a carico delle aziende al 4,1% per l’anno in corso. Poi dal 2013 dovra’ partire il nuovo ”sistema di remunerazione della filiera”.

– STIPENDI MANAGER: tetto di 300.000 euro per la retribuzione a manager e dipendenti delle aziende partecipate dallo Stato, non quotate, Rai compresa. Ma dal prossimo contratto.

– PROVINCE: saranno ”riordinate” in modo da averne solo con almeno 350.000 abitanti e un territorio di 2.500 chilometri quadrati. Avranno per il 2012 un contributo di 100 milioni per la riduzione del debito. Rimane la cancellazione di Terni, Isernia e Matera che i senatori avevano cercato di salvare.

– CITTA’ METROPOLITANE: arriva una Conferenza in ciascuna delle dieci province trasformate in Città metropolitane.

– SOCIETA’ IN HOUSE: saranno chiuse ma non automaticamente. Regioni, Province e Comuni non saranno obbligate a sopprimere o accorpare i propri enti ed agenzie, a patto che realizzino un risparmio del 20% per la loro gestione.

– CARABINIERI E GDF: dal primo gennaio 2013 sono rideterminate gli organici degli ufficiali di ciascuna forza armata ed e’ ridotto il numero delle promozioni, esclusi Carabinieri, Gdf, Capitanerie di porto e Polizia penitenziaria.

– MINISTERI INTERNI E ESTERI: sei mesi in piu’ per la riduzione dei dirigenti e del personale sia per il personale dell’amministrazione civile dell’Interno sia per i diplomatici in servizio all’estero del ministero degli Affari esteri.

– AFFITTI UFFICI PA: slitta di due anni l’obbligo del taglio del 15% degli affitti per immobili in uso alle amministrazioni.

– CASE ENTI: gli inquilini che vogliono comprare la casa dell’ente previdenziale in cui abitano hanno un tempo che non può essere inferiore a 120 giorni dal ricevimento dell’offerta.

– PENSIONI PROF: gli insegnanti che entro il 31 agosto di quest’anno matureranno i requisiti per andare in pensione dal 1 settembre 2013 vanno in pensione con regole pre-Fornero.

– INDENNITA’ PROFESSORI UNIVERSITARI: stop al trascinamento di indennita’ per i professori universitari che, dopo un incarico in un ente o in una istituzione, tornano ad insegnare.

– SISMA EMILIA: arrivano risorse per 6 miliardi per aiutare cittadini e imprese dopo il sisma nell’Emilia. Possibilità per i comuni e per il commissariato regionale di fare assunzioni a tempo determinato per affrontare le emergenze. Risorse anche per l’Abruzzo (23 milioni) per la raccolta dei rifiuti

– MULTE SCIOPERI SERVIZI PUBBLICI: raddoppiano, nel passaggio dalle vecchie lire all’euro, le sanzioni comminate dalla Commissione di garanzia dell’attuazione della legge sullo sciopero nei servizi pubblici essenziali.

– CONSIP: le amministrazioni pubbliche potranno fare i loro approvvigionamenti di energia, gas, carburanti e telefonia anche al di fuori delle convenzioni Consip a condizione che siano previsti corrispettivi inferiori a quelli indicati.