Spread sotto 200 punti: è il minimo da luglio 2011

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 gennaio 2014 10:03 | Ultimo aggiornamento: 3 gennaio 2014 12:50
Spread  sotto 200 punti: è il minimo da luglio 2011

Spread sotto 200 punti: è il minimo da luglio 2011

MILANO – Lo spread tra il Btp e il Bund tedesco cala sotto la soglia psicologica dei 200 punti base (199) per la prima volta dal 6 luglio 2011. Si tratta di un incoraggiante inizio di nuovo anno per l’Italia sul fronte dei titoli di Stato.

Anche il differenziale della Spagna, alle 8,30 di questa mattina segnava 202 punti in apertura col rendimento dei Bonos al 3,96%.

Il minimo storico toccato arriva dopo settimane in discesa per il differenziale decennale. Anche il nuovo anno era partito con segnali incoraggianti: sul finire della seduta di giovedì 2 gennaio, lo spread si era attestato a 203, con il tasso di rendimento scivolato sotto il 4% (3,96%) per la prima volta da maggio scorso.

Molto bene è andato anche il differenziale della Spagna, che si era attestato con un divario tra titoli decennali iberici e tedeschi di soli 203 punti base, col rendimento dei Bonos giù al 3,96%, indice in perfetta parità con l’Italia. 

Sempre in borsa, oltre al successo della quotazione Fiat che giovedì 2 gennaio ha chiuso, grazie all’acquisizione della Chrysler con un bel +16%, buone notizie arrivano anche dai dati sull’andamento del settore manifatturiero.

Nell’Eurozona l’indice Pmi manifatturiero a dicembre è salito ai massimi da due anni e mezzo a 52,7 punti, segnando il livello più alto da giugno 2011, e quello relativo all’Italia ha visto un’accelerazione a 53,3 da 51,4 di novembre, appena dietro la Germania a 54,3 e davanti alla Francia, dove il comparto resta in contrazione, con un calo a 47 punti. In questo caso, la soglia dei 50 punti fa da spartiacque tra espansione e contrazione del ciclo.