Standard and Poor’s lascia invariato il rating dell’Italia: “Economia in recessione per inversione di tendenza sulle riforme”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 26 aprile 2019 22:28 | Ultimo aggiornamento: 27 aprile 2019 1:49
Standard and Poor's lascia invariato il rating dell'Italia ma outlook resta negativo (foto Ansa)

Standard and Poor’s lascia invariato il rating dell’Italia ma outlook resta negativo (foto Ansa)

ROMA – Standard and Poor’s lascia invariato il rating dell’Italia. Il livello, quindi, resta a BBB con outlook negativo. 

L’Italia si conferma così a due gradini sopra il livello “junk”, ossia spazzatura, la soglia di pericolo reale.

Da parte dell’agenzia, però, un monito: un’inversione di tendenza sul fronte delle riforme e una volatilità della domanda esterna hanno spinto l’economia italiana in recessione. Le cattive notizie continuano: “I rischi per la posizione fiscale dell’Italia stanno crescendo”.

In Italia sia per il governo che le banche si registra, dice l’agenzia, “un marcato deterioramento delle condizioni finanziarie esterne”. “I continui cambiamenti politici – si legge ancora – indeboliscono il potenziale di crescita” del nostro Paese. L’agenzia di rating sottolinea inoltre come l’economia italiana sarà in una fase di stallo quest’anno e come le politiche del governo rischiano di rafforzare la rigidità dei salari e del mercato del lavoro.

Fonte: Ansa

IN AGGIORNAMENTO