Statali no sciopero, solo 5% aderisce allo stop il 9 dicembre. Più cittadini dei loro sindacati

di Alessandro Camilli
Pubblicato il 10 Dicembre 2020 8:56 | Ultimo aggiornamento: 10 Dicembre 2020 8:56
Statali no sciopero, solo 5% aderisce allo stop il 9 dicembre. Più cittadini dei loro sindacati

Statali no sciopero, solo 5% aderisce allo stop il 9 dicembre. Più cittadini dei loro sindacati (Foto d’archivio Ansa)

Statali non hanno scioperato il nove dicembre, solo il 5 per cento non è andato al lavoro o non ha lavorato da casa seguendo l’indicazione dei loro sindacati. Si fa fatica a ricordare, nella pur fitta e molteplice storia dei conflitti di lavoro in Italia, una sconfessione così totale dei sindacati.

Cgil, Cisl e Uil: la spudoratezza di ieri. Landini diceva…

Cgil, Cisl e Uil avevano proclamato uno sciopero che molti avevano percepito e segnalato come fuori tempo e fuori luogo. Uno sciopero dei dipendenti pubblici i più protetti e garantiti dai danni socio economici da pandemia? Uno sciopero capace di chiudere, qui e ora, anche per un solo giorno in più una scuola? Uno sciopero per star meglio mentre letteralmente mezza Italia fatica a star peggio solo un poco? Uno sciopero come pandemia non fosse? Fuori tempo, fuori luogo, insolente verso il resto della comunità nazionale.

E per cosa poi? Perché l’aumento contrattuale già previsto di circa 70 euro al mese in più è poca cosa? Certo, poca cosa, però in più. Non è certo una colpa ma statali con stipendio e posto di lavoro garantito. Chiamarli a scioperare per un rinnovo contrattuale come nulla fosse per il resto d’Italia. Landini mente e guida della Cgil aveva intuito che le motivazioni dello sciopero andavano abbellite in confezione e quindi: sciopero per investimenti, assunzioni, mica solo l’aumento in busta paga. Ma non ha funzionato, l’abbellimento è risultato posticcio. Alla spudoratezza del proclamare uno sciopero è seguito l’imbarazzo civico di chi doveva scioperare.

Prova di cittadinanza

Uno per uno i milioni di pubblici dipendenti italiani si sono scoperti e ritrovati più cittadini di una comunità di quanto non siano i loro sindacati ormai definitivamente mutati in corporazioni. Corporazioni talvolta perfino arroganti ma soprattutto fuori dal principio di realtà. Uno per uno quasi tutti i dipendenti pubblici italiani hanno rifiutato lo sciopero, hanno rispettato così il resto della società italiana. Meritano un grazie, meritano per questo rispetto.