Sviluppo: incentivi per chi assume giovani e donne disoccupati

Pubblicato il 25 ottobre 2011 11:17 | Ultimo aggiornamento: 25 ottobre 2011 11:17

ROMA – Sono in arrivo incentivi per l’assunzione di giovani disoccupati. “Per i datori di lavoro privati che assumano negli anni 2012 e 2013, senza esserne tenuti, giovani sotto i 25 anni disoccupati da almeno 6 mesi o sotto i 35 anni disoccupati da almeno 12 mesi, la quota di contribuzione a carico del datore di lavoro è, per i primi trentasei mesi, quella prevista per gli apprendisti”. In arrivo agevolazioni anche per i contratti di apprendistato, con i contributi azzerati: “Per i contratti di apprendistato iniziati negli anni 2012 e 2013 la quota di contribuzione a carico del datore di lavoro è azzerata fino alla fine del periodo di apprendistato”. Saranno ridotte anche le aliquote irpef e i contributi per i contratti part time stipulati a donne disoccupate con figli a carico. La riduzione è calcolata secondo questo schema: 5 punti percentuali, con un figlio; 10 punti percentuali, con 2 figli; 15 con 3 figli; 20 con 4 figli. Inoltre i redditi derivanti dai contratti suddetti, dal momento della stipula e sino al 31 dicembre 2013, sono soggetti ad aliquote Irpef ordinarie, ridotte esattamente secondo lo stesso schema (dal 5% per un figlio fino al 20 per quattro).