Sviluppo: taglio dell’Irpef per quelli che lavorano

Pubblicato il 25 ottobre 2011 11:13 | Ultimo aggiornamento: 25 ottobre 2011 11:13

ROMA – Nella bozza del dl Sviluppo, le aliquote dell’imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef) per il periodo di imposta in corso e fino al terzo successivo alla data di entrata in vigore della presente legge, sono ridotte di due punti percentuali per gli studenti iscritti a corsi di istruzione universitaria, di perfezionamento e di specializzazione universitaria, tenuti presso università italiane o straniere, pubbliche o private legalmente riconosciute. L’agevolazione spetta solo agli studenti in corso per la durata legale del corso medesimo: sforare nei tempi del corso di studi, insomma, diventerà anche costoso. In compenso è in arrivo anche un’altra agevolazione fiscale dedicata ai più giovani che abbiano un contratto di lavoro precario: l’aliquota Iva relativa all’acquisto dell’abitazione principale da parte di giovani al di sotto dei 40 anni e titolari di reddito da lavoro parasubordinato è fissata nella misura dell’1%.