Svizzera, reato di riciclaggio anche per commercialisti e banche compiacenti

di redazione Blitz
Pubblicato il 23 Dicembre 2013 12:12 | Ultimo aggiornamento: 23 Dicembre 2013 12:14
Svizzera, reato di riciclaggio anche per commercialisti e banche compiacenti

Svizzera, reato di riciclaggio anche per commercialisti e banche compiacenti

BERNA –  Riciclaggio di denaro sporco, la Svizzera fa un altro passa avanti: dopo aver fatto cadere il segreto bancario, sotto le pressioni internazionali, il governo di Berna ha presentato un progetto di riforma del codice penale che prevede il reato di riciclaggio non solo per chi esporta capitali sporchi, ma anche per i professionisti che li aiutano. Cioè banche, commercialisti, società finanziarie, fiduciarie e gestori patrimoniali. Ora spetterà al parlamento convertire il provvedimento in legge.

La nuova misura segue le raccomandazioni emanate dall’Ocse nel 2012 per contrastare la circolazione di capitali non puliti.

La confederazione elvetica estenderà il reato di riciclaggio anche al denaro frutto di frodi fiscali, che però deve dare un beneficio di almeno 200mila franchi (oltre 160mila euro) a chi la fa, secondo i parametri svizzeri.

In base alla norma, se diventerà legge, tutte le banche e i commercialisti saranno obbligati a denunciare all’Autorità svizzera antiriciclaggio i casi sospetti, che poi potranno essere trasmessi ai ministeri dei Paesi esteri.