Swarovski, la gioielleria austriaca taglierà altri 1000 posti di lavoro

di Redazione Blitz
Pubblicato il 21 Luglio 2020 16:32 | Ultimo aggiornamento: 21 Luglio 2020 16:32
Swarovski, foto d'archivio Ansa

Swarovski, la gioielleria austriaca taglierà altri 1000 posti di lavoro (foto Ansa)

Swarovski, la gioielleria austriaca taglierà altri 1000 posti di lavoro.

La gioielleria austriaca Swarovski, nota per i suoi monili in fini cristalli, taglierà in autunno altri 1.000 posti di lavoro nella sua roccaforte tirolese nella parte occidentale del Paese, a causa della crescente pressione competitiva e della pandemia di coronavirus.

Il produttore di gioielli aveva già annunciato a fine giugno la perdita di 600 posti di lavoro in tutto il mondo, di cui 200 nella sua sede storica di Wattens, non lontano da Innsbruck, in seguito al calo della domanda negli  Usa e in Asia.

L’annuncio dell’amministratore delegato dell’azienda austriaca

L’amministratore delegato e presidente del consiglio di amministrazione Robert Buchbauer ha descritto la decisione come “dolorosa, ma senza alternative”.

Nel 2019 Swarovski aveva raggiunto un fatturato di 2,7 miliardi di euro.

Il gruppo impiega 34.500 dipendenti e produce diamanti in Austria, India, Tailandia, Vietnam, Serbia e Usa, tra gli altri paesi.

I suoi prodotti sono venduti in circa 170 paesi. Swarovski è stata fondata nel 1895 da Daniel Swarovski, l’inventore di una macchina industriale per il taglio del cristallo. (Fonte: Agi).