Tares il 24 gennaio, tutti i chiarimenti: se non ti arriva non paghi

di Redazione Blitz
Pubblicato il 20 gennaio 2014 10:03 | Ultimo aggiornamento: 20 gennaio 2014 10:12
Tares il 24 gennaio, tutti i chiarimenti: versamenti, sanzioni, ritardi

Tares il 24 gennaio, tutti i chiarimenti: versamenti, sanzioni, ritardi

ROMA – Tares il 24 gennaio, tutti i chiarimenti: se non ti arriva non paghi. La maggiorazione Tares (la tassa sui servizi indivisi) riguarda il saldo della quota statale: va pagata entro venerdì 24 gennaio in concomitanza con il versamento della mini-Imu. Il calcolo sarebbe semplice (30 centesimi a metro quadro) se non fosse che il tributo non va ai Comuni ma direttamente allo Stato tanto è vero che molti Sindaci non la riscuotono insieme agli altri tributi comunali, avendo preparato un modello F24 separato per i cittadini. Con l’aiuto del Sole 24 Ore vediamo di ricomporre il rebus dei pagamenti, di chi è interessato alla scadenza del 24 gennaio, di cosa fare se no si è ricevuto alcun modello F24 o bollettino precompilato.

Maggiorazione Tares, cos’è e cosa la distingue dalla tassa rifiuti. La Tares nominalmente è riferita ai servizi indivisibili del Comune, ma in realtà non ha alcun collegamento con la gestione dei rifiuti urbani. L”importo è fisso per tutti i contribuenti (si applica un coefficiente di 30 centesimi a metro quadro) ed è destinato alle casse statali. Parliamo quindi di due versamenti separati, uno per la tassa sui rifiuti, l’altro per la Tares: gli avvisi di pagamento comunali riportano titoli separati per ciascuno dei due importi.

Chi paga la Tares entro il 24 gennaio. A parte la mini-Imu che scade il 24 gennaio, quella data (per quanto riguarda i rifiuti) vale solo per il pagamento della Tares, come stabilito dalla legge di stabilità. Riguarda tutti i contribuenti che hanno occupato immobili soggetti all’applicazione della tassa rifiuti nel 2013. Chi avesse già pagato la maggiorazione attraverso i bollettini inviati dai Comuni prima del 24 gennaio, non dovrà versare nulla perché ha già assolto il suo dovere fiscale.

Che succede se non ricevo dal Comune il modello F24 o il bollettino. Ai sensi dell’articolo 10 dello Statuto del Contribuente, non è prevista alcuna sanzione (né interessi di mora) se il contribuente paga con ritardo la maggiorazione nel caso non abbia ricevuto per tempo i bollettini di pagamento.

La maggiorazione Tares vale anche per i Comuni che nel 2013 applicavano la Tarsu o la Tia.