Tasi-Imu, 200mila le aliquote: ogni Comune ne ha 11, caos software gestionali

di Redazione Blitz
Pubblicato il 10 Giugno 2014 10:32 | Ultimo aggiornamento: 10 Giugno 2014 10:32
Tasi-Imu, 200mila le aliquote: ogni Comune ne ha 11, caos software gestionali

Tasi-Imu, 200mila le aliquote: ogni Comune ne ha 11, caos software gestionali

ROMA – Tasi-Imu, 200mila le aliquote: ogni Comune ne ha 11, caos software gestionali. C’è un numero che dà la misura del pasticcio della tassazione che riguarda la casa: tra Tasi e Imu, alla fine dell’anno, saranno state totalizzate delibere contenenti 200mila aliquote diverse, cioè 200mila parametri diversi di calcolo del tributo. Un rompicapo irrisolvibile anche per i software gestionali più sofisticati. E infatti la stima è stata approntata da Assosoftware (analisi di Itworking) per denunciare le difficoltà cui devono far fronte  i professionisti per destreggiarsi nella jungla fiscale: ogni Comune, in media, presenta dalle 11 alle 12 aliquote ciascuno.

L’anno scorso, solo per l’Imu, si era arrivati alle 104mila aliquote: finora i 2200 Comuni che sono riusciti a deliberare in tempo (quelli dove la prima rata si paga il 16 giugno) hanno raggiunto quota 27 mila aliquote. E’ perciò lecito supporre che alla fine il conto finale integrato dal resto, la maggioranza, dei Comuni, arriverà a 95 mila aliquote diverse. A complicare il quadro normativo, vi è soprattutto la necessità (giusta) di prevedere detrazioni per reddito, catasto, quoziente familiare ecc…Ma la definizione di 3996 tipologie diverse di detrazione finora contenute nelle delibere (a regime saranno 14300) non potrà mai fornire la cornice per un disegno organico della tassazione. E non è un buon servizio per il contribuente.