Tasi, la prima rata si paga il 16 giugno. Niente proroga

di Redazione Blitz
Pubblicato il 16 Maggio 2014 9:35 | Ultimo aggiornamento: 16 Maggio 2014 9:40
Tasi, la prima rata si paga il 16 giugno. Niente proroga

Tasi, la prima rata si paga il 16 giugno. Niente proroga

ROMA – Tasi, la prima rata si paga il 16 giugno. Niente proroga della scadenza, che resta così molto stretta, dal momento che entro il 23 maggio (a due giorni dalle elezioni comunali in molti paesi e città d’Italia) i Comuni dovranno emettere le delibere per chiarire la ripartizione della tassa nel caso di seconde case. 

Se, infatti, per la prima casa non ci sono dubbi, settemila Comuni su circa ottomila devono ancora stabilire sia l’aliquota della Tasi sia la maggiorazione prevista tra prime e seconde case, e fissare, nel caso che queste ultime siano affittate, la ripartizione della tassa tra proprietario e inquilino. 

Per le seconde case il termine resta quello del 16 giugno, data in cui si pagherà l’Imu, da cui le prime case sono esentate, e la Tasi. Per quest’ultima se i Comuni non decideranno altrimenti i proprietari di seconde case verseranno il 50% dell’aliquota base dell’1 per mille meno un 10% annuo (5% semestrale) che spetta all’inquilino. Dall’Anci, l’Associazione nazionale dei Comuni, il presidente Piero Fassino avverte:

“i bilanci sono predisposti sulla base dei termini di pagamento definiti dalla legge. Non è serio, neanche per i cittadini, continuare a cambiare i termini del pagamento della Tasi. Quel che si è convenuto va confermato”.

In caso di proroghe o dilazioni, secondo Fassino, sarebbero a rischio i servizi erogati dai Comuni.