Tasse, aumentano dello 0,7% le entrate fiscali. Bene la lotta all’evasione

Pubblicato il 13 Gennaio 2011 10:34 | Ultimo aggiornamento: 13 Gennaio 2011 10:35

Tornano ad aumentare le entrate fiscali grazie soprattutto al gettito della lotta all’evasione. L’andamento delle entrate fiscali, spiega il Dipartimento delle Finanze del ministero dell’Economia, al netto delle una tantum, a gennaio-novembre ”mostra una evidente ripresa facendo registrare una crescita dello 0,7%, in netto miglioramento rispetto al risultato di ottobre in cui è stato rilevato un calo dello 0,3%”.

Vola il gettito frutto della lotta all’evasione fiscale. Nel periodo gennaio-novembre 2010 il gettito derivante dai ruoli è  stato infatti di 4.676 milioni (+643 milioni di euro, pari a +15,9% rispetto al corrispondente periodo del 2009): 3.027 milioni di euro (+329 milioni, pari a +12,2%) dalle imposte dirette e 1.649 milioni di euro (+314 milioni di euro, pari a +23,5%) dalle imposte indirette.

Per la prima volta nel 2010, spiega il ministero, l’andamento delle entrate evidenzia una variazione positiva rispetto al corrispondente periodo del 2009. Complessivamente, l’andamento delle entrate nel periodo gennaio-novembre 2010, al lordo delle una tantum, ”è perfettamente in linea con le previsioni ed evidenzia un significativo miglioramento rispetto a quello registrato nei primi dieci mesi dell’anno, con un calo limitato ormai solo allo 0,4% (nel periodo gennaio-ottobre 2010 il calo è stato dell’1,7%)”.

Le imposte dirette – comunica il Dipartimento delle Finanze del ministero dell’Economia – evidenziano nei primi 11 mesi del 2010 un calo dell’1,7%, dovuto principalmente alla flessione dell’imposta sostitutiva delle imposte sui redditi nonché ritenute sugli interessi e altri redditi di capitale (-5.977 milioni di euro), e ai minori versamenti a saldo dell’Ires (-1.175 milioni di euro). La disaggregazione delle imposte indirette mostra che la categoria delle tasse e imposte sugli affari cresce del 2,9%, l’aggregato delle imposte sulla produzione, sui consumi e dogane e monopoli cala del 3,7% e la categoria del lotto, lotterie ed altre attivita’ di gioco cresce dello 0,4%.

L’insieme delle imposte indirette mostra un progresso dell’1,3%. Nel periodo gennaio-novembre 2010 le entrate totali, al lordo delle una tantum, sono state di 361.719 milioni di euro (contro 363.208 milioni di euro del 2009, pari a -0,4%). Al netto delle una tantum, che ammontano a 3.364 milioni di euro, sono state di 358.354 milioni di euro (contro 356.022 milioni di euro del 2009, pari a +0,7%).

I risultati delle entrate tributarie dei primi 11 mesi del 2010m conclude la nota,  sono ”perfettamente in linea con le previsioni” ed evidenziano ”un significativo miglioramento” rispetto al mese di dicembre.

In flessione, invece, le entrate tributarie locali. Nei primi 11 mesi del 2010 il gettito è stato pari a 42,280 miliardi di euro (-0,5%). Anche analizzando i dati del solo mese di novembre il calo, rispetto allo stesso mese del 2009, e’ stato dello 0,5%. L’Irap, l’imposta regionale sulle attivita’ produttive, che da sola vale oltre 32 miliardi di euro sui 42,2 complessivi delle entrate degli enti territoriale locali, nel periodo gennaio-novembre ha visto una flessione del gettito dello 0,7% rispetto a gennaio-novembre 2009.