Università, più tasse per (quasi) tutti. Bloccate per chi è sotto 40mila €

Pubblicato il 31 luglio 2012 8:52 | Ultimo aggiornamento: 31 luglio 2012 11:54
studenti

Studenti universitari (LaPresse)

ROMA – Sei in regola con gli esami e la tua famiglia dichiara meno di 40mila euro l’anno? Allora sei relativamente al sicuro: tra il 2013 e il 2016 pagherai le stesse tasse universitarie di oggi, con ritocchi fisiologici che dipenderanno dall’inflazione. In tutti gli altri casi, invece, le tasse aumenteranno. Che tu sia in regola o no. Aumenteranno fino a raddoppiare se sei uno studente “pigro e figlio di papà”, ovvero con un reddito dichiarato sopra i 150 mila euro l’anno. Aumenteranno del 50% con un reddito compreso tra i 90 e i 150 mila euro. E aumenteranno “solo” del 25% con un reddito inferiore se sei fuori corso.

Le tasse universitarie, insomma, sembrano destinate a crescere anche per gli studenti in regola con gli esami. Lo prevede la bozza più recente del testo della spending review, quella che sarà votata nella giornata di martedì 31 luglio al Senato.

In ogni caso gli aumenti non saranno per tutti. Al sicuro, infatti, resteranno gli studenti in regola i cui redditi familiari sono bassi, al di sotto dei 40 mila euro lordi. Per loro, secondo il testo, eventuali ritocchi non potranno in nessun caso superare il tasso di inflazione. A rischio sono invece in qualche modo tutti gli altri studenti, soprattutto i fuori corso dai redditi alti, oltre i 15o mila euro.

Per questi ultimi, come già anticipato nei giorni scorsi, rimane concreto il rischio del raddoppio delle tasse. Provvedimento che, nelle intenzioni del Governo, vorrebbe scoraggiare la permanenza eccessiva degli studenti negli atenei. Come? Con un rincaro del 25% per studenti fuori corso con Isee fino a 90 mila euro lordi l’anno, del 50% con Isee fino a 150 mila, e del 100%, il raddoppio, con Isee oltre i 150 mila.

L’ultima modifica, però, riguarda gli studenti a regola. Con reddito sopra i 40 mila non si è comunque al riparo dall’aumento delle tasse. Aumento la cui entità varierà a seconda dell’ateneo: saranno, insomma, le università a stabilirlo.

Ma quanti sono gli studenti a rischio di forti aumenti delle tasse? Secondo il Sole 24 Ore non pochi, circa uno su tre. Scrive Gianni Trovati:

“A tremare per le super-tasse, in base agli ultimi dati ministeriali sugli iscritti agli atenei italiani, sono il 33% degli studenti, un dato molto alto che rappresenta uno dei “difetti di sistema” più evidenti dell’università italiana, e che la riforma del “3+2″ è riuscita a limare senza però eliminarlo”.

Se gli aumenti riguardano tante famiglie, il famigerato raddoppio delle tasse è invece affare per pochi. Spiega sul Corriere della Sera Lorenzo Salvia:

Il raddoppio delle tasse per chi è in ritardo con gli esami è poco più di una norma manifesto visto che si applica solo a chi ha un reddito familiare superiore ai 150 mila euro e, per quanto possa sembrare impossibile, in Italia i contribuenti al di sopra di questa soglia sono soltanto 30 mila. Ed è per questo che, alla fine, la possibilità di ritoccare le tasse viene quindi allargata anche agli studenti in corso.

A determinare la modifica del testo sulla spending review introducendo la possibilità di ritocchi delle tasse anche per studenti in regola sarebbero stati i conti fatti dalla Ragioneria generale dello Stato. Senza tassare gli studenti in regola le risorse non bastano perché la legge prevede che ogni università non possa incamerare dalle tasse degli iscritti più del 20% di quello che riceve ogni anno dal ministero dell’Istruzione con il  Ffo, il fondo di finanziamento ordinario. Ma il Ffo, tra un taglio e l’altro, è in calo regolare da anni e la regola finisce per essere sistematicamente violata. Con conseguenti condanne per gli Atenei: è successo a Pavia, sta per succedere ad altee università. Per questo motivo, sempre secondo la spending review, le tasse dei fuori corso, verranno tirate fuori dal calcolo generale.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other