Telecom, dal 1° maggio nuovo contratto telefonico. Adiconsum: “Rischio rincari”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 26 Marzo 2015 13:28 | Ultimo aggiornamento: 26 Marzo 2015 13:28
Telecom, dal 1° maggio nuovo contratto telefonico. Adiconsum: "Rischio rincari"

Telecom, dal 1° maggio nuovo contratto telefonico. Adiconsum: “Rischio rincari”

ROMA –  “Attenti alle nuove offerte Telecom, si rischiano rincari in bolletta”, avverte Adiconsum Bergamo. E l’azienda replica: “Basta telefonare un’ora e mezza al mese per avere una convenienza”. La notizia è riferita dall’Eco di Bergamo, che, riportando un comunicato dell’associazione dei consumatori, scrive di novità nelle tariffe di Telecom a partire dal primo maggio, quando Telecom e Tim confluiranno in un’unico marchio, Tim, per tutti i servizi di telefonia mobile, fissa e internet.

Scrive l’Eco di Bergamo:

“Molti si vedranno cambiare il loro contratto e, a seconda dei casi, ci potrebbero essere vantaggi o svantaggi economici. «Quello che ci preoccupa in particolare – avverte Eddy Locati, presidente di Adiconsum Bergamo – è ciò che potrebbe accadere alle fasce più deboli dei clienti, gli anziani, che usano il telefono quasi solo per ricevere e pochissimo per telefonare». Oggi questi clienti, segnalano dall’associazione consumatori della Cisl orobica, pagano non più di 38 € al bimestre, ma se non telefonano al 187, da maggio si ritroveranno a pagarne 58 con un aumento di circa il 53%”.

Chi vorrà usufruire dell’offerta Voce da 19 euro al mese (38 a bimestre) dovrà infatti chiamare il 187, perché Telecom passerà automaticamente a questo contratto solo coloro che non hanno mai fatto telefonate verso numeri italiani (sia fissi sia mobili) negli ultimi tre mesi del 2014. Come spiega Locati,

“basta aver fatto una telefonata e non aver chiamato il 187 che, dal 1° maggio, scatterà il forte aumento sopra descritto. Ma il problema vero è che le persone anziane difficilmente leggeranno le “comunicazioni importanti e si ritroveranno a pagare molto di più a fronte di “chiamate illimitate verso tutti i fissi e cellulari nazionali” che mai faranno…”.

Da parte sua Telecom dice di aver incontrato tutte le associazioni dei consumatori lo scorso febbraio per spiegare i contenuti della semplificazione e di aver avvisato tutti i propri clienti attraverso uno specifico messaggio in bolletta e aggiunge:

“I clienti che non desiderano la nuova proposta «tutto incluso hanno facoltà di scegliere «qualunque altra offerta alternativa, compresa la possibilità di rimanere con un’offerta a consumo, ad esempio l’offerta Voce con un costo mensile di 19€ e telefonate a consumo. I clienti potranno avere tutte le informazioni ed effettuare le scelte desiderate chiamando il servizio clienti 187, oppure recandosi presso un nostro punto vendita o visitando il sito www.telecomitalia.it”.