Telefoni, attenti alle super offerte: ogni anno la tariffa sale (anche del 20%). Disdire gratis puoi, ma…

di Redazione Blitz
Pubblicato il 11 Novembre 2019 12:10 | Ultimo aggiornamento: 11 Novembre 2019 12:10
Telefoni, le super offerte: ogni anno la tariffa aumenta

Tariffe telefoniche, occhio alle super offerte (foto Ansa)

ROMA – Occhio alle super offerte telefoniche per l’abbonamento cellulare più internet. Tariffe iper-competitive all’inizio, poi dal secondo anno ecco l’aumento che non ti aspetti. E, compagnia che vai, ritocco che trovi. In un biennio si può arrivare fino al 40% di rincaro, come nel caso TIM Young&Music Limited Edition Online: dai 9 euro l’anno iniziali, 1,99 euro di aumento per anno per arrivare a 12 e 98 centesimi finali. 44% di aumento in due anni. Se sentite il termine  “rimodulazione”, significa aumento.

12 tariffe, 12 aumenti sistematici

Il quotidiano La Repubblica ha fatto una verifica puntuale di questa pratica ormai sistematica. IperFibra di Vodafone, per la casa: 25 euro al mese nel 2017, poi rincarato di 2,50 euro nel 2018 e di 2,99 euro nel 2019 (+21,96% nel biennio). Fastweb Joy Fibra 200, a 39,90 euro al mese, rincarato di 5 euro nel 2018 e 2,80 nel 2019 (+31,2%). Tim Smart Casa, a 39,90 euro al mese, ha subito un solo rincaro (che fortuna) nel 2018: 2,50 euro. Stesso rincaro per Absolute Fibra di Wind 3, a 29,95 euro al mese, ma poi un altro rincaro di 2 euro nel 2019.

Vodafone Smart era molto economica quando è uscita nel 2017, per combattere Iliad: 10 euro al mese. Ma si è ingrassata di 1,49 euro già nel 2018 e 1,98 nel 2019. Vodafone Pro, dai 15 euro del 2017 aumentata di 1,49 nel 2018 e 1,98 nel 2019. Tim Special Medium (11,90 nel 2017) è aumentata di 1,99 sia nel 2018 sia nel 2019. Wind All Inclusive Unlimited a 12 euro nel 2017 ha preso 1,49 euro nel 2019. All in Star e All In Prime di 3 (Wind 3) si sono ingrassate di 2 euro nel 2019 (da 5 e 10 euro al mese).

Se l’offerta cambia puoi disdire gratis

Come ci si può difendere? La legge ti consente di recedere, gratis, se l’offerta viene modificata l’anno successivo. hai 60 giorni di tempo e devi spendere tempo e sacrificare i tempi per la disdetta e per la nuova adesione.

“Secondo il nostro ultimo studio, queste variazioni di prezzo  – commenta Alessandro Voci di SosTariffe – causando aumenti mensili che negli ultimi due anni ammontano mediamente a 2,32 euro al mese (circa 28 euro in un anno). Tuttavia cambiando provider il risparmio è assicurato, anche grazie al fatto che gli operatori devono, a fronte di una rimodulazione, consentire un cambio provider o offerta senza penali. Nello specifico confrontando le migliori offerte per il proprio profilo di consumo è possibile risparmiare quasi 160 euro in un anno”. (fonte La Repubblica)