Terremoto in Giappone: danni ingenti, le assicurazioni parlano di 35 miliardi di dollari

Pubblicato il 13 Marzo 2011 21:19 | Ultimo aggiornamento: 13 Marzo 2011 21:19

ROMA- L’impatto del sisma di venerdi’ sull’economia giapponese sara’ ”considerevole”. Il governo nipponico fa una prima conta dei danni e stima che questa emergenza superera’ l’impatto del precedente grande sisma, quello di Kobe del 1995.

Secondo un’agenzia americana gli oneri per le assicurazioni potrebbero arrivare a sfiorare i 35 miliardi di dollari. E intanto per far fronte alla richiesta di contante da parte della popolazione, la Banca centrale ha garantito alle banche 500 milioni di euro.

”Il terremoto dovrebbe avere un impatto considerevole sulle attivita’ economiche di numerosi settori”, ha detto il portavoce del governo di Tokyo Yukio Edano nel corso di una conferenza stampa. ”Il terremoto – ha aggiunto – ha colpito un’area vasta, ed e’ probabile che l’impatto economico superera’ i 20 mila miliardi di yen dei danni sostenuti durante il terremoto di Kobe”.

Yosano ha comunque cercato di tranquillizzare sottolineando che il Governo dispone ancora di 1,3 miliardi di yen (15,8 miliardi di dollari) di fondi discrezionali dal bilancio di quest’anno che possono essere allocati per il terremoto. Una prima stima dei danni e’ stata intanto elaborata dall’agenzia americana di valutazione del rischio Air Worldwide, che ha calcolato i costi per le assicurazioni: sulla base delle informazioni attualmente disponibili, spiega l’associazione, si stima che le proprieta’ assicurate distrutte dal terremoto abbiano un valore compreso tra 14,5 e 34,6 miliardi di dollari.

Si tratta, tuttavia, ancora di una ”stima preliminare”, che sara’ aggiornata non appena saranno disponibili informazioni aggiuntive. Intanto, per andare incontro alle popolazioni colpite, la Banca centrale del Giappone (BoJ) ha garantito da sabato una somma complessiva di 55 miliardi di yen (quasi 500 milioni di euro) a 13 istituti finanziari nelle aree colpite dal sisma: i soldi serviranno ad aiutare le banche a sostenere la richiesta di contante da parte della gente. L’istituto centrale ha inoltre fatto sapere che tutte le sue filiali saranno regolarmente operative domani.

”La Banca del Giappone – spiega una nota – continuera’ a fare il massimo per assicurare la stabilita’ del mercato finanziario e l’erogazione regolare dei fondi, mediante una serie di misure tra cui la fornitura di liquidita”’.