Tfr in busta paga, Cgil: “patrimoniale sui lavoratori”. I dati di Reggio Emilia

di Redazione Blitz
Pubblicato il 31 Ottobre 2014 7:00 | Ultimo aggiornamento: 30 Ottobre 2014 13:45
Tfr in busta paga, Cgil: "patrimoniale sui lavoratori". I dati di Reggio Emilia

Tfr in busta paga, Cgil: “patrimoniale sui lavoratori”. I dati di Reggio Emilia

ROMA – Tfr in busta paga, Cgil: “patrimoniale sui lavoratori”. I dati di Reggio Emilia. Secondo il responsabile previdenza della Cgil a Reggio Emilia, la novità del trasferimento in busta paga della liquidazione maturata (per tre anni) significa un  aumento delle tasse “per i 118mila lavoratori reggiani che hanno il Tfr nel settore privato”.

Nelle intenzioni del Governo la misura è nata per rilanciare i consumi: secondo la Cgil si risolve invece in una vera e propria patrimoniale a carico dei lavoratori. Perché contiene aggravi fiscali sui risparmi generati da fondi e pensioni integrative: come dire si tassa non la ricchezza ma la gestione di risparmi con finalità assistenziali e previdenziali.

È la stessa Cgil a realizzare alcune proiezioni degli scenari futuri, che prevedrebbero un aumento della tassazione sui fondi pensione dall’11,50% al 20%. Per il Tfr accantonato in azienda, invece, la tassazione passerà dall’11% al 17%.

«Su un risparmio ipotetico versato in un fondo pensione di 40mila euro e con un rendimento del 3%, si verseranno 102 euro all’anno in più allo Stato – afferma Rino Soragni della Cgil – Per il Tfr accantonato in azienda, ipotizzando una liquidazione di 20mila euro e un rendimento del 3%, si tratta di altri 41 euro all’anno di maggiore prelievo». Numeri che fanno da contraltare a quelli illustrati dal governo, che ha stimato in un centinaio di euro al mese l’aumento delle entrate in busta paga per stipendi netti di circa 1.300 euro, da aggiungere agli 80 euro di bonus già introdotti dal maggio scorso. (Evaristo Sparvieri, Gazzetta di Reggio)