Tfr in busta paga, da venerdì si può chiedere

di Redazione Blitz
Pubblicato il 1 Aprile 2015 18:38 | Ultimo aggiornamento: 1 Aprile 2015 18:45
Tfr in busta paga, da venerdì si può chiedere

Tfr in busta paga, da venerdì si può chiedere

ROMA – Tfr in busta paga. Adesso chi vuole può sceglierlo davvero. Entrerà infatti in vigore venerdì 3 aprile con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale il decreto che prevede la nuova norma. Al momento, però, per il governo si tratta di una legge “sperimentale”. In questa prima fase, infatti, il governo cercherà di capire se il Tfr in busta potrà dare una mano a rilanciare i consumi e quindi, in un secondo momento si deciderà se l’opzione sarà prorogata.

Attenzione però: i lavoratori dipendenti possono fare richiesta ma se decidono per l’anticipo in busta paga non potranno tornare alla vecchia opzione fino a giugno 2018. Le aspettative sul provvedimento, in realtà, non sono altissime: il Tfr in busta paga a conti fatti per la maggior parte dei lavoratori non conviene. Viene infatti conteggiato come un’aggiunta allo stipendio e finisce quindi per alzare l’imponibile. Il Tfr lasciato in azienda o investito in fondi pensione è invece tassato in modo diverso e più vantaggioso per il cittadino.

Secondola Fondazione studi dei Consulenti del Lavoro, in particolare il Tfr in busta paga conviene per chi ha un reddito fino a 15.000 euro mentre sopra questa soglia l’aumento delle tasse lo rende penalizzante.