Tiziana Ciprini (M5s), gaffe su Fb: “L’Euro di chi è ?”. Bce, copyright e risate

di redazione Blitz
Pubblicato il 8 luglio 2015 16:36 | Ultimo aggiornamento: 8 luglio 2015 16:36
Tiziana Ciprini (M5s), gaffe su Fb: "L'Euro di chi è ?". Bce, copyright e risate01

Tiziana Ciprini (M5s), gaffe su Fb: “L’Euro di chi è ?”. Bce, copyright e risate

ROMA – “L’Euro di chi è?“. Se lo è chiesto la deputata grillina Tiziana Ciprini che, in un post apparso sulla sua pagina Facebook, si è anche risposta da sola arrivando a scomodare il diritto d’autore per poi partire all’attacco della Bce. Ma le osservazioni della deputata grillina hanno suscitato l’ilarità degli utenti che si sono scatenati nei commenti in calce al post, se non altro segnalando le inesattezze delle sue argomentazioni.

La risposta alla domanda tendenziosa Ciprini l’ha trovata su una banconota da 20 euro. “La C cerchiata – osserva la deputata – indica che il diritto d’autore è della Bce. Ne consegue tutta una serie di concatenazioni logiche”. Ma forse sarebbe meglio dire illogiche. Segue un elenco puntato:

a) l’EURO è una moneta che ci viene prestata con gli interessi da un ente privato (la BCE appunto);

b) il potere di STAMPARE MONETA DAL NULLA è in mano a una BANCA PRIVATA;

c) i trattati, che sono stati firmati SENZA il consenso del POPOLO, hanno tolto ai Paesi Europei la SOVRANITÀ MONETARIA, ovvero la possibilità di stampare la propria moneta senza debito.

Questo è il sistema con cui l’USUROCRAZIA, che domina il sistema monetario, riduce in schiavitù i Paesi del sud Europa, esattamente come per i popoli del Terzo Mondo.

Diceva il Prof. Auriti “se mettiamo un governatore di una banca centrale a stampare moneta in un’isola deserta non ne nasce il valore perché manca la collettività, dunque chi crea moneta è la gente che, accentandola, ne crea convenzionalmente il valore”.
Per questo la moneta dovrebbe essere di proprietà dei popoli e non delle banche.

Se non fosse che l’Euro non viene prestato con interessi e la moneta non viene stampata dal nulla e non solo dalla Bce, ma anche dalle Banche Centrali nazionali. La Bce poi non è una banca privata ma un ente cui partecipano tutte le Banche Centrali dei paesi aderenti all’Unione Europea, i cui trattati sono stati firmati dai governi che teoricamente sono rappresentanti dei rispettivi popoli.

Quanto al copyright sopra menzionato, a scanso di equivoci, copiamo e incolliamo dalla Gazzetta ufficiale dell’Unione Europea:

“In qualità di successore dell’IME, la BCE è titolare del diritto d’autore sui disegni delle banconote in euro in origine detenuto dall’IME. La BCE e le BCN, agenti per conto della BCE, possono far valere tale diritto relativamente alle riproduzioni emesse o distribuite in violazione dello stesso, quali, inter alia, riproduzioni che possano influenzare negativamente la reputazione delle banconote in euro”.

Ecco invece alcuni dei commenti più ficcanti rilasciati dagli utenti:

“Sei una ritardata, il diritto d’autore è sulla riproducibilità delle grafiche”

“E ti paghiamo pure per dire ‘ste stronzate… Almeno Razzi fa ridere perché è grottesco e la caricatura di un uomo, tu sei proprio convinta delle cazzate che dici senza sapere di cosa parli…”.

“Non ci posso credere che questa ritardata ha anche il diritto di voto, e siede in Parlamento”.

“Tiziana adesso ti dico di chi è l’euro, pronta? L’euro è di chi ce l’ha in tasca, hai capito è semplice. Nel momento in cui la BCE stampa euro, quei soldi non sono di nessuno, sai perché? Perché non sono soldi, sono merce di magazzino. Se fossero soldi la BCE potrebbe spenderli per comprarsi i computer nuovi o pagare gli stipendi dei dipendenti, ma non può perché sono merce. All’atto dell’emissione, quando per esempio li accredita ad una banca in cambio di titoli, la merce diventa soldi e diventa di proprietà della banca. Poi i soldi girano nel sistema economico e continuano ad essere di chi li acquisisce. Quindi cara Ciprini, se hai in tasca 10 euro, quei soldi sono tuoi, non porti domande inutili…”.

“Che poi, che c…zo scrive sulla banconota da 20 che poi al distributore non me la prende”

Tiziana Ciprini (M5s), gaffe su Fb: "L'Euro di chi è ?". Bce, copyright e risate