L’Europa dice il primo sì alla Tobin Tax. A proporla una socialista greca

Pubblicato il 25 Maggio 2012 19:08 | Ultimo aggiornamento: 25 Maggio 2012 19:08

BRUXELLES – Il Parlamento europeo pone le prime basi per la Tobin Tax e dice sì all’introduzione di una tassazione sulle transazioni finanziarie in Europa. La curiosità è che a proporla è un’eurodeputata socialista del Paese più inguaiato economicamente: la Grecia.

Sono due anni che Bruxelles discute di Tobin tax senza risultati, ma questa volta si tratta di un testo legislativo che si inserisce in un percorso, lungo ed irto di ostacoli, che ha come obiettivo finale una Tobin Tax all’europea. Interessanti le novità votate dall’Europarlamento: l’invito ad andare avanti anche se non c’è l’accordo di tutti i Paesi Ue (ovviamente all’interno di quelli favorevoli) e poi giù le mani dai fondi pensione.

“Essendo l’Unione europea il più grande mercato finanziario, spetta a noi fare il primo passo. Non possiamo essere tenuti in ostaggio da una manciata di Stati membri”, ha detto la relatrice greca Anni Podimata.