Tredicesima pensionato deceduto: Inps pretende che gli eredi facciano domanda, spera non si presenti nessuno

di Redazione Blitz
Pubblicato il 7 Aprile 2021 11:55 | Ultimo aggiornamento: 7 Aprile 2021 11:57
Tredicesima pensionato deceduto

Tredicesima pensionato deceduto: eredi devono fare domanda all’Inps (Ansa)

Tredicesima pensionato deceduto: Inps pretende che gli eredi facciano domanda. Specie dopo i centomila morti causa Covid nella popolazione anziana, è importante conoscere le condizioni del diritto del pensionato al “rateo ereditario”.

Tredicesima pensionato deceduto: Inps pretende che gli eredi facciano domanda

Sembra che l’Inps non sia così sollecita nel renderlo effettivo, tutt’altro. Parliamo per esempio della tredicesima che nel frattempo è maturata. Solo nei casi di coniugi o figli minorenni la reversibilità della pensione scatta automatica. 

Per gli eredi, figli o nipoti, no. Devono fare apposita richiesta. Il modo più rapido – ci informa Prima Pagina News – per ottenere l’erogazione delle somme è fare domanda telematica sul sito Inps, appunto cliccando su “ratei ereditari”.

Che comprendono il recupero della tredicesima dello stipendio quando pubblico, o della pensione per la quota maturata. Come altre spettanze, tipo le competenze su una riliquidazione della pensione.

Servono questi documenti. Dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà (si chiede all’Anagrafe) dove siano indicati gli eredi e gradi di parentela, fotocopie di codice fiscale e carta d’identità, nel caso di altri eredi la delega.

“L’Inps vuole speculare sui morti?”

“Mi sembra assurdo che l’INPS non paghi automaticamente agli eredi di un pensionato la tredicesima nel frattempo maturata – commenta amaro Pierluigi Roesler Franz -. Ma pretenda un’apposita domanda scritta nella convinzione che nessuno la presenti al fine di tenersi i soldi. In tal modo l’INPS non dà, forse, l’impressione di voler speculare sui morti?”.