Usa, crisi. Rapporto, per gli stati dell’Unione problemi di bilancio per anni

Pubblicato il 18 luglio 2012 12:14 | Ultimo aggiornamento: 18 luglio 2012 12:16

WASHINGTON, STATI UNITI – La crisi di bilancio per gli stati americani durera’ ancora a lungo, molto di piu’ rispetto a quando l’economia si riprendera’. Lo afferma il rapporto della task force per la crisi degli stati, curato da Paul Volcker, l’ex presidente della Fed, e da Richard Ravitch, al quale e’ riconosciuto il credito di aver contribuito a salvare New York dal default nella meta’ degli anni 1970.

”La capacita’ degli stati di adempiere ai loro obblighi nei confronti dei dipendenti pubblici, dei creditori, dell’istruzione e del benessere dei cittadini e’ minacciata”, si legge nel rapporto, dove si precisa che a pesare sulle casse dei singoli stati e’ l’aumento dei costi delle pensioni e della sanita’, che mette a rischio la possibilita’ di migliorare le infrastrutture e offrire servizi di istruzione a studenti con basso reddito.

Il gap fra i costi per i programmi pubblici e le entrate statali e’ ”insostenibile”. ”Il nostro obiettivo non era quello di dire che l’apocalisse e’ dietro l’angolo ma – avverte Ravitch – sara’ piu’ costoso affrontare questi problemi fra cinque o dieci anni piuttosto che ora”.

Secondo Ravitch troppe energie politiche sono state concentrate sui problemi del budget federale invece che sui problemi degli stati. La severita’ dei problemi di lungo termine che gli stati dell’Unione si trovano ad affrontare e’ spesso mascherata da opache pratiche contabili, precisa il rapporto, secondo il quale diversi stati sono ricorsi a trucchi contabili e hanno calcolato nei loro bilanci annuali entrate una tantum per mascherare lo squilibri fra le entrate e le spese.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other