Russia. Euro, rublo risalgono, ma stop Usa a legami militari e commerciali

Pubblicato il 4 marzo 2014 9:28 | Ultimo aggiornamento: 4 marzo 2014 9:28

rubloRUSSIA, CRIMEA – L’euro e il rublo si rafforzano sui mercati dopo l’annuncio del presidente russo Vladimir Putin di far rientrare le truppe impegnate nelle esercitazioni in Crimea ai confini dell’Ucraina che allontana lo scenario di un conflitto più vasto.

La moneta unica sale dello 0,4% a 1,375 sul dollaro e il rublo avanza dello 0,3% a 50,013 sulla divisa europea e a 36,35 sul dollaro dopo il tracollo di ieri. Scende lo yen, su cui ieri si erano riversati gli acquisti, con un ribasso dello 0,3% a 101,76.

Frattanto gli Usa hanno ”sospeso tutti i legami militari” con la Russia, incluse ”le esercitazioni e le riunioni bilaterali” afferma il portavoce della Difesa americana John Kirby. La sospensione e’ stata decisa ”alla luce dei recenti sviluppi in Ucraina” e anche se il dipartimento della Difesa ha un interesse nelle relazioni militari con la Russia ”per rafforzare la trasparenza, migliorare la comprensione reciproca e ridurre i rischi”.

Washington sospenderà anchele le trattative in corso con la Russia per aumentare gli scambi commerciali e gli investimenti. Lo afferma il segretario al Commercio americano, Michael Froman, secondo quanto riporta il Wall Street Journal. ”Alla luce degli eventi in Ucraina, abbiamo sospeso le trattative bilaterali commerciali e di investimento con il governo russo che puntavano a una piu’ stretta collaborazione commerciale”, ha detto Froman.