Bernanke. Usa in default senza rapido aumento tetto debito

Pubblicato il 15 Giugno 2011 11:20 | Ultimo aggiornamento: 15 Giugno 2011 11:20

Il capo della Fed Ben Bernanke

NEW YORK, STATI UNITI – Il tetto del debito americano va aumentato perchè non farlo potrebbe innescare una nuova crisi e avere conseguenze economiche ”serie”. Lo ha dichiarato il presidente della Fed, Ben Bernanke, mettendo  in guardia dai rischi di una mancata azione sul limite legale del debito, che potrebbe costare agli Stati Uniti la perdita del rating AAA e danneggiare il ruolo del dollaro come valuta di riserva.

”Anche una breve sospensione nel pagamento degli interessi sulle obbligazioni del Tesoro potrebbe causare forti squilibri sui mercati finanziari” e innescare ”dubbi” sul’affidabilità degli Stati Uniti. Le parole di Bernanke fanno eco a quelle del presidente Barack Obama: non aumentare il debito potrebbe mettere a rischio la ripresa economica e causare una nuova crisi.

”Un default – afferma il portavoce della Casa Bianca, Jay Carney – non e’ un’opzione”. Invitando il Congresso e l’amministrazione a lavorare insieme per ”sviluppare e attuare rapidamente un piano credibile per raggiungere una sostenibilita’ di bilancio nel lungo termine”, Bernanke chiede che l’azione del tetto del debito non venga usata come strumento per ottenere risultati politici. ”E’ una strumento sbagliato”, una politica ”rischiosa”.

Le trattative per mettere a punto un piano di risanamento di bilancio entrano in queste ore in una fase cruciale, con il vice presidente Joe Biden e il gruppo bipartisan che torneranno a confrontarsi per gettare le basi di un accordo da presentare entro il 1 luglio al presidente Barack Obama, allo speaker della camera John Boenher e al leader della maggioranza in Senato Harry Reid.

Anche Bernanke ha avvertio che ”Lo status quo nel bilancio federale non e’ un’opzione”, mettendo in evidenza che per nuove politiche fiscali saranno necessarie scelte difficili. Occorre – ha aggiunto – trovare un bilancio equo.

”Le politiche fiscali – ha aggiunto il capo della Fed –   devono riflettere le nostre priorita’ sostenendo gli standard di vita e bilanciando le esigenze delle attuali e delle future generazioni. Nell’affrontare le sfide di bilancio di lungo termine dobbiamo riformare le politiche fiscali e le spese non solo per ridurre il deficit ma per rafforzare il potenziale di crescita della nostra economia”.

La dinamica del debito ”e’ insostenibile”, il Tesoro americano ha superato il tetto del debito, attualmente a 14.300 miliardi di dollari, e secondo bernanke senza un aumento entro il 2 agosto prossimo gli usa faranno default.